Che il rinnovo grafico di ubuntu sia già iniziato?

A farmi avanzare questa ipotesi sono stati i nuovi CD di ubuntu che ho trovato quest’oggi nella mia bucalettere.

PICT0002.JPG
copertina e CD più eleganti e dal look decisamente più professionale
cd2.JPG

Come potete notare, i CD di shipit sfoggiano infatti una nua nuova grafica, decisamente più caratteristica e “audace” rispetto a quella delle precedenti versioni. Uno stile senza dubbio accattivante ed attraente. Speriamo che anche il tema grafico di nuova generazione rispecchi allo stesso modo questo desiderio di rinnovamento.

Intanto non ci rimane che incrociare le dita ;)

Post (forse) correlati:

    Nessun post correlato

Condividi questo articolo:

  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Twitter
  • Ping.fm
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Wikio
  • MySpace
  • Google Bookmarks
  • Technorati
  • Live
  • MSN Reporter
  • Netvibes
  • PDF
  • email
novembre 19th, 2008 @ 01:52 PM • Classificato in IMHO, NEWS • Tags: , , commenti [12]

12 commenti

BohtontNo Gravatar said,

Commento • novembre 19, 2008 @ 8:58 pm

Ciao, tu quando l’ hai ordinato? io il 26/10 ed è stato approvato l’ invio il 03/11, ma non è ancora arrivato nulla…
Mi devo rassegnare perchè lo ritroverò sotto l’ albero oppure posso ancora sperare?
Insieme al CD di Ubuntu ti mandano anche quello di Kubuntu?
Sai, io li ho sempre scaricati…

Rispondi

MèrkNo Gravatar said,

Commento • novembre 19, 2008 @ 10:27 pm

ciao, onestamente non capisco perchè farsi mandare i cd…
capisco chi non ha adsl, anche se non è difficile trovare qualcuno che ce lo scarica e lo masterizza…
Lo vedo come il solito discorso del “tanto è gratis”… Non sarebbe meglio che i soldi spesi per i cd finiscano alla comunità?? Se canonical risparmiasse quei soldi potrebbe investirli per grafica e sviluppo…
Ovviamente è la mia personalissima opinione…
Marco

Rispondi

ScaloppinaNo Gravatar said,

Commento • novembre 19, 2008 @ 11:06 pm

Quoto. Purtroppo ultimamente fa molto fico il post sul blog “Mi sono arrivati i cd di ubuntu!!!”…
Che tristezza!

Rispondi

NeffNo Gravatar said,

Commento • novembre 20, 2008 @ 1:07 am

Scaloppina, Merk

Sono un po’ sufo di rispiegare ogni sei mesi perchè ordino i CD. È triste vedere che c’è gente superficiale a questo mondo che crede ancora che dopo quattro anni di ubuntu sia ancora qui a ordinare i CD “perchè tanto è gratis” o che pensa che mi diverta a collezionare dozzine di CD ad ogni release perchè mi piace tenerle in bella mostra o perchè infilarseli in quel posto è sempre più divertente. Non vi viene il sospetto che forse non li ordino per me? Questa volta non riscriverò ancora quali sono le mie giustificazioni. Andatevi a leggere il commento numero 3 a questo post e poi se volete ne riparliamo. Scusate per il tono, ma stasera non ci sto dentro.

Rispondi

fluxNo Gravatar said,

Commento • novembre 20, 2008 @ 9:38 am

non devi spiegare nulla, sono d’accordo pienamente con quanto scrivesti su quel post… purtroppo ci sono ancora degli pseudo-puristi linuxiani che credono di fare i contro-fighi sbandierando di scaricare, magari da ftp, ubuntu, di installarlo e magari ricompilarsi il kernel ehehehe… se shipit offre questo servizio è per tutti, perché sono ormai davvero in pochi a non avere una connessione veloce. Io offro sempre 10 euro tramite paypal… e tra l’altro non mi servono 25 cd dallo store… certo se ne mettessero anche 1 in vendita lo comprerei… ma preferisco fare una donazione e tenermi il cd… ormai è una sorta di libro da mettere in libreria semestralmente ehehehe

ps. Neff non ti curar di loro… guarda e passa hihihihh

Rispondi

MèrkNo Gravatar said,

Commento • novembre 20, 2008 @ 10:49 am

@Neff
Posso essere d’accordo su quello che scrivi nel tuo post che hai linkato, anche se con qualche riserva.
Tutti quelli che ho “evangelizzato” io, seppur pochi, sono stati colpiti dalle qualità del sistema e non da look&feel…anche perchè diciamoci onestamente che il look du Ubuntu è sempre stato il vero tallone d’achille della distribuzione. Poi magari a qualcuno piacerà…ma c’è da lavorare ancora molto su questo lato.
Se lo regali a qualche amico che se lo installa da solo il cd è un’ottima idea, se gli installi tutto tu credo sia inutile.
IMHO ovviamente!
Marco.

Rispondi

NeffNo Gravatar said,

Commento • novembre 20, 2008 @ 10:25 pm

@Merk

Di solito il CD “bello” io lo regalo comunque quando finisco di fare l’installazione. Così l’amico se vuole può regalarlo a sua volta a qualcun altro… e devo dire che funziona… è come evangelizzare due persone contemporanemante ;)

eh… ormai è tecnica ;)

Comunque sia per quanto siano carini i CD non me li tengo io, non saprei davvero cosa farmene dato che di solito aggiorno entro le prime 24 ore dal rilascio e i CD arrivano comunque in due-tre settimane!

Rispondi

NeffNo Gravatar said,

Commento • novembre 20, 2008 @ 10:27 pm

@Flux

;)

Rispondi

LuptorNo Gravatar said,

Commento • dicembre 2, 2008 @ 5:57 pm

Devo dire che sono rimasto piacevolmente convito dalla nuovo stile del cd di ubuntu… quando mi è arrivato a casa la settimana scorsa è stata una piccola sorpresa ^^

Rispondi

MauroCNo Gravatar said,

Commento • gennaio 15, 2009 @ 8:49 pm

Salve Neff, scrivo qui sperando che la mia richiesta non sia troppo OT:
vorrei installare ubuntu ma, se non ricordo male dalle installazioni di qualche tempo fa, non posso scegliere se installare o meno tutta una serie di applicazioni: vorrei sapere se esiste un metodo per ottenere una installazione “pulita” di ubuntu: non più di gnome, strumenti di amministrazione e al più il gestore di pacchetti.
Grazie, saluti
MauroC

Rispondi

NeffNo Gravatar said,

Commento • gennaio 21, 2009 @ 11:20 pm

@MauroC

Ciao, beh si in effetti qui la tua domanda è un po’ OT ;) … ma non importa.
Purtroppo ubuntu installa automaticamente tutti i software di base, come ad esempio evolution, pidgin e compagnia bella. Purtroppo non c’è modo di installare una ubuntu “pulita” per due ragioni principali. La prima riguarda la semplicità di installazione. Il team di ubuntu (e di Linux mint così come delle altre principali distribuzioni derivate da ubuntu) ha deciso di non permettere la scelta dei programmi in fase di installazione per facilitare la vita ai niubbi, che comunque non saprebbero cosa scegliere tra i diecimila programmi esistenti che svolgono le stesse cose. Ubuntu cerca di offrire dei programmi “standard”, che vanno cioè bene per la maggior parte degli utenti. Questa politica finora è stata molto apprezzata. L’importante – come molti sottolineano – è saper scegliere dei buoni default. Il secondo motivo è dovuto ad un diverso modo di classificare i programmi. Nel mondo linux, il sistema base viene di solito inteso come il sistema operativo semplice senza server x e interfaccia utente. A questo si aggiunge un livello superiore, che è quello appunto di X11 con le sue regole di base. Il terzo livello è dato dall’ambiente grafico, ovvero GNOME e KDE. Mentre KDE raggruppa il desktop environment base con un metapacchetto chiamato kdebase, GNOME non adotta una simile classificazione. GNOME infatti è concepito come un ambiente abbastanza monolitico, in cui vi sono delle applicazioni che fanno parte in tutto e per tutto dell’ambiente operativo. Se prendiamo ad esempio Epiphany browser, stiamo parlando non di un’applicazione extra me di un’applicazione considerata “base” in un’installazione GNOME pulita. Come vedi c’è una certa difficoltà nel determinare cosa sia un ambiente base. Ubuntu non dice che il suo è effettivamente un’installazione base, ma dice di offrire una configurazione di base personalizzabile che dovrebbe offrire i migliori default per la stragrande maggioranza degli utenti.

Se non sei soddisfatto della dotazione software di una ubuntu classica ti ricordo che esiste il programma APT On CD che permette di crearsi la propria ubuntu derivata partendo da una ubuntu base. Se ti piace smanettare, prova a crearti la tua distribuzione personalizzata usando questo strumento!

Rispondi

MauroCNo Gravatar said,

Commento • gennaio 22, 2009 @ 10:51 pm

@Neff Grazie per la risposta,
cmq la filosofia di Ubuntu un pò già la conoscevo (ho usato a suo tempo la 4.10)e la condivido in pieno; dall’alto della mia niubbagine pensavo/speravo che ci fosse una “derivata” che fosse più pulita, non sapendo però delle distinzioni sul “sistema di base” e che Gnome fosse “tutto d’un pezzo” (forse è la volta buona che provo Kde4).
Ora mi informerò su APT On CD, ma credo che quello che si avvicina di più al mio pensiero sia una cosa tipo una netinst di debian, anche se penso dovrò studiare molto bene i comandi da terminale…

Rispondi

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URI

Lascia un commento

Tutti i contenuti di Neffscape sono pubblicati secondo la licenza di utilizzo Creative Commons Attribution non commercial share alike 3.0.
• Neffscape è un sito pensato, creato e mantenuto da Marco Boneff