Guida completa: Tracker e integrazione con GNOME su ubuntu

Aggiornamento sostanziale: Post rinominato, nuove configurazioni per tracker (impostazioni linguistiche, indicizzazione delle vostre mailbox di Evolution, Thunderbird e Kmail), integrazione con la funzione “Cerca File…” presente nel pannello “Risorse” di GNOME. (grazie felipe). Beppe ha inoltre postato un grandioso commento che potete usare per installare con successo tracker su ubuntu dapper (le configurazioni successive presenti in questo post sono valide sia per Dapper che per Edgy)

Edit: Michele Mattioni (grazie!) segnala che la funzione di indicizzazione delle mailbox non funziona ancora, nonostante sia già presente nelle configurazioni di tracker. Sarà opportuno attendere una nuova versione di tracker per usufruire di questa funzionalità. Nonappena uscirà la nuova release aggiornerò questo post in modo che possiate upgradare con successo e godere della nuova funzione

Tutti i sistemi operativi moderni (non stiamo parlando quindi di Windows xp ;) ) permettono di cercare i propri documenti all’interno del computer in maniera istantanea. Cosa intendo per istantanea? Ebbene: man mano che digitate in un campo di ricerca il sistema operativo o per meglio dire la tool predisposta alla ricerca farà comparire i risultati che corrispondono in un qualche modo alla parola digitata. Questo è possibile grazie a speciali programmi che mentre voi usate il computer navigano per il vostro hard disk indicizzando tutti i files presenti. È proprio questo che fa spotlight, il programma adibito alla ricerca in Mac OS X ed è esattamente questo che fanno google desktop su windows nonchè beagle e tracker su Linux.

Premetto che tutte le ultime versioni delle principali distribuzioni linux integrano beagle e non tracker come programma di indicizzazione. Beagle è infatti più maturo in quanto esiste da più tempo anche se esistono ottimi motivi per scegliere tracker e sbarazzarsi di beagle: quali? Beh le ragioni sono almeno due e per rendere contenti sia i miei lettori più “geek” che quelli più “idealisti” (a quanto pare il mio post su Stallman ha avuto un successo insperato :) ) posso annunciare che si, finalmente potrete dire addio al discusso Mono (più volte criticato anche da RMS per la sua ambigua complicità con tecnologia proprietaria e a “rischio brevetto”) e che si, tracker occupa meno risorse sia per quanto riguarda la RAM che la CPU. Aggiungiamo una terza ragione, che – lo confesso – piacerà di più ai lettori geek e agli sviluppatori: tracker non è legato di per sè a nessuna piattaforma in particolare. Si compone infatti di un demone di ricerca e una serie di applicazioni apposite che permettono di integrarlo con programmi già esistenti.
In questo post vedremo come installare tracker sulla nostra linux box ubuntu e come integrarlo perfettamente col nostro desktop gnome, vale a dire con nautilus, con le tool di ricerca predefinite di gnome (come la funzione “Cerca File…” nel menù “Risorse” del pannello di gnome) e con Deskbar, una barra “da pannello” multifunzione, che ci permetterà di utilizzarla per cercare istantaneamente i nostri file usando tracker, ottenendo un clone di spotlight su Mac OS X, ma molto, molto più potente.
siete caldi? allora seguitemi…

Installare tracker non è molto difficile, quindi… tranquilli! Ci siete? Iniziamo!

Installazione e configurazione del demone di tracker e dei pacchetti necessari per la sua integrazione con GNOME (ubuntu edgy)

NB: Beppe ha lasciato un utilissimo commento a questo post che spiega per filo e per segno come compilare da sorgente ed installare tracker su dapper drake ed integrarlo con la funzione “Cerca File” nel menu “Risorse” di GNOME… quindi se avete dapper… scrollate e leggete il suo commento!

Torniamo ad Edgy: per prima cosa dovete scaricare questo pacchetto. Si tratta di un archivio compresso contenente diversi files .deb (libtrackerclient, tracker, tracker-data, tracker-gnome-search-tool, tracker-utils, e una versione modificata di nautilus) pacchettizzati per ubuntu edgy. I files sono stati pacchettizzati già qualche settimana fa, ma se volete potete controllare a questo indirizzo se ci sono nuove versioni degli stessi files per ubuntu edgy.

Installate tutti i pacchetti facendo doppio clic su ciascun file o semplicemente dando un
sudo dpkg -i *.deb
da terminale controllando prima bene di non aver in giro altri file .deb (il comando installa tutti i deb presenti della directory in cui vi trovate).
Una volta installati tutti i pacchetti entrate in menu “Sistema” > “Preferenze” > “sessioni” e aggiungete ai programmi d’avvio il comando “trackerd”

entrate quindi nella vostra cartella home, premete ctrl+H, trovate la directory “.Tracker” ed editate usando gedit il file di configurazione tracker.cfg.
nella sezione [Watches] sono indicati i percorsi delle directory da indicizzare. Di default tracker indicizza solamente /home/vostroutente ma è facile abilitare l’indicizzazione dei files in altri luoghi. È sufficiente aggiungere un secondo percorso dopo il punto e virgola alla riga che inizia con WatchDirectoryRoots, proprio come ho fatto io:
(attenti a non dimenticare il punto e virgola alla fine della path indicata)
[Watches] # List of directory roots to index and watch seperated by semicolons
WatchDirectoryRoots=/home/neff;/media/dati/Documenti;

Se guardate più in basso, sempre sotto Watches noterete che è possibile specificare una o più “NoWatchDirectory” vale a dire una o più directory all’interno delle quali i files non verranno indicizzati. Le regole sono sempre le stesse: aggiungete il percorso completo di ogni cartella che non volete indicizzare separando ogni path con un punto e virgola. Anche in questo caso fate attenzione a terminare l’ultimo percorso segnalato con un punto e virgola.
# List of directory roots to not index and not watch seperated by semicolons
NoWatchDirectory=/media/dati/Documenti/Utilities;

Scorrendo più in basso possiamo impostare il linguaggio da usare. Grazie a questa configurazione Tracker capirà che la parola “gioco” è in qualche modo relazionata alle parole “giochi” e “gioca”. (grazie felipe per la segnalazione)

# Valid values are 'en' (english), 'da' (danish), 'nl' (dutch), 'fi' (finnish), 'fr' (french), 'de' (german), 'it' (italien), 'nb' (norwegian), 'pt' (portugese), 'ru' (russian), 'es' (spanish), 'sv' (swedish)
Language=it
# Enables use of language specific stemmer
EnableStemmer=true

Un ultima, pratica configurazione che potete dare alla vostra nuova tool di ricerca è dargli la possibilità di cercare all’interno delle vostre e-mail. Tracker si integra alla perfezione sia con Evolution che con Thunderbird e Kmail. Per abilitare questa funzione scorrete il file di configurazione fino a trovare la sezione [services]. Potete abilitare la ricerca nelle vostre mailbox mettendo “true” al posto di “false” a fianco della stringa che descrive il vostro client e-mail. Io che uso Thunderbird, ad esempio, ho configurato tracker nel seguente modo
[Services]
IndexEvolutionEmails=false
IndexThunderbirdEmails=true
IndexKmailEmails=false

NB: Michele Mattioni (grazie!) segnala che la funzione di indicizzazione delle mailbox non funziona ancora, nonostante sia già presente nelle configurazioni di tracker. Sarà opportuno attendere una nuova versione di tracker per usufruire di questa funzionalità. Nonappena uscirà la nuova release aggiornerò questo post in modo che possiate upgradare con successo e godere della nuova funzione

Ok, ora salvate il file e chiudete gedit.

Integrazione di tracker con la funzione “Cerca file…” del menu “Risorse” del pannello di GNOME
…ovvero ottenere ciò che vedete nell’immagine qui sotto:

cerca file

Per ottenere ciò che vedete in immagine, è sufficiente dare questi due comandi da terminale:
sudo mv /usr/bin/gnome-search-tool /usr/bin/gnome-search-tool.bak
sudo ln -s /usr/bin/tracker-search-tool /usr/bin/gnome-search-tool

Integrazione con Deskbar… otteniamo un clone quasi perfetto di spotlight su Mac OS X!

Integrando tracker con la mitica Deskbar di gnome (una piccola applet che fornisce un interfaccia minimale ed estendibile per la ricerca dei file (e non solo) usando vari plugin) otterremo una copia quasi sputata di spotlight su Mac OS (Vedi immagine qui sotto). Una cosa davvero comoda, senza contare che Deskbar è in sè uno strumento molto più potente. Non l’avete mai usata prima? Male! Comunque come dicevo è possibile utilizzare Deskbar in modo che ci permetta ricercare dei files usando tracker.

un confronto tra spotlight e deskbar+tracker… incredibile no?

deskbar

Tutto ciò di cui avete bisogno per ottenere anche voi qualcosa di simile a quanto visualizzato nell’immagine qui sopra, è un’apposita plugin che potete scaricare qui.

Aprite il file tracker-handler.py appena scaricato con gedit e modificate la riga #30:
MAX_RESULTS = 2
Indicate al posto di “2″ il numero massimo elementi che volete che deskbar visualizzi per ciascuna categoria (documenti, immagini, e-mail, musica, ecc.) di file trovati. Siccome credo che 2 siano un po’ pochini vi consiglio di aggiungerne qualcuno in più… io ho messo 6 come valore e mi sono sempre trovato bene! Comunque de gustibus… vedete voi

Una volta indicato il valore di MAX_RESULTS salvate il file e copiatelo in /usr/lib/deskbar-applet/handlers/ .
Per farlo cliccate su alt+F2 e digitate

gksudo nautilus /usr/lib/deskbar-applet/handlers/

avviando così nautilus in versione “root”, che vi permetterà di copiare in questa posizione la plugin di tracker appena scaricata.
Abbiamo quasi finito. Sloggatevi da gnome scegliendo dal menu Sistema > Esci … e cliccando su “Termina Sessione”; quindi riloggatevi. A questo punto dovete solo aggiungere Deskbar ad uno dei vostri pannelli (tasto destro del mouse sul pannello dove volete che deskbar appaia e selezionate la voce Aggiungi al pannello… , quindi cliccate su Deskbar e chiudete la finestra). Cliccando col tasto destro sull’icona di deskbar scegliete “preferenze” e vistate le opzioni “Search for files using Tracker Search Tool” e “Search for files using Tracker (live result)”. Chiudete dunque la finestra di dialogo e… avete finito!

NOTE:

Se avete appena installato tracker è ovvio che in un primo momento usando Deskbar o ctrl+F per ricercare i files non troverete nulla o quasi. Dovete lasciare il tempo a tracker di indicizzare il vostro hard disk. Lasciate acceso il computer e riprovate tra qualche ora. Vedrete che i risultati non tarderanno a farsi vedere ;)


Post (forse) correlati:

    Nessun post correlato

Condividi questo articolo:

  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Twitter
  • Ping.fm
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Wikio
  • MySpace
  • Google Bookmarks
  • Technorati
  • Live
  • MSN Reporter
  • Netvibes
  • PDF
  • email
dicembre 28th, 2006 @ 11:56 PM • Classificato in GUIDE, NEWS • Tags: , , commenti [10]

10 commenti

ra1nNo Gravatar said,

Commento • dicembre 29, 2006 @ 10:57 am

Una domanda, ma per poter usare tracker solo tramite deskbar, è necessario il rimpiazzo di nautilus? o quello serve solo per le ricerche tramite ctrl+f?

Rispondi

NeffNo Gravatar said,

Commento • dicembre 29, 2006 @ 11:08 am

@ra1n
Il rimpiazzo di nautilus serve ad integrare tracker con le funzionalità di ricerca di nautilus. Non ne sono al 100% sicuro, ma credo che sia possibile installare tracker e Deskbar senza installare tracker nautilus… tuttavia è una cosa che non ho mai fatto, quindi non so…

Rispondi

felipeNo Gravatar said,

Commento • dicembre 29, 2006 @ 2:02 pm

:)

Sappi che la guida che stai aspettando è già pronta da qualche tempo… aspetto solo il momento giusto (il rilascio dei deb per Tracker 0.5.3).

Grazie per le citazioni :)

Rispondi

ra1nNo Gravatar said,

Commento • dicembre 29, 2006 @ 2:09 pm

Effettivamente sembra proprio così, in questo momento ho lasciato il nautilus originale di edgy e sto usando solo trackerd e il plugin per deskbar

Rispondi

NeffNo Gravatar said,

Commento • dicembre 29, 2006 @ 2:24 pm

@felipe

Grazie per il commento, è un onore leggere qui il mio blogger preferito eheheh!
Attendo la tua superguida, quando arriverà aggiornerò questo post…
A presto spero!

Rispondi

BeppeNo Gravatar said,

Commento • dicembre 29, 2006 @ 2:48 pm

Ciao, sai se funziona anche con dapper, o rischio di incasinare tutto?

Rispondi

NeffNo Gravatar said,

Commento • dicembre 29, 2006 @ 10:33 pm

@Beppe
Non sono un esperto ma io eviterei. Credo che il problema sia soprattutto la versione patchata di nautilus… non essendo tracker nei repositories di ubuntu è probabile che gli altri pacchetti non diano problemi, ma non essendo un grande esperto francamente non lo so e non voglio rischiare di darti un consiglio errato… in ogni caso se decidi di arrischiarti facci sapere com’è andata… i posteri meritano anche questa informazione :)

Rispondi

BeppeNo Gravatar said,

Commento • dicembre 30, 2006 @ 2:31 pm

Ciao,
c’ho impiegato un po’ ma alla fine ci sono riuscito. La tecnica e’ la seguente:
1. Sono partito da un howto sul wiki ufficiale di ubuntu…. ma dimenticate i pacchetti .deb per tracker suggeriti sull’howto ufficiale , non funzionano. Per il resto la guida sul wiki puo’ essere utile.

2. su suggerimento di questo post su ubuntuforums ho eseguito
sudo apt-get install build-essential zlib1g-dev libbz2-dev autotools-dev automake1.9 autoconf libextractor-dev libmysqlclient15-dev libssl-dev libpango1.0-dev libwrap0-dev cvs libgmime2.1-dev libdbus-1-dev libdbus-glib-1-dev libxml-parser-perl

3. ho scaricato il tarball da QUI , l’ho scompattata e compilata aprendo una shell nella cartella destinazione e facendo:

./configure
make
sudo make install

Tracker installato!

Per il resto ho seguito le tue istruzioni.
L’unico problema e’ che per qualche ragione non ho tracker-search-tool, ragion per cui ho scaricato un utile programmino che tuttavia è necessario compilare con il solito modo:
./configure
make
sudo make install
4. A questo punto sostituiamo il programmino a gnome-search-tool ottenendo l’integrazione con l’utilità “Cerca file…” del pannello “Risorse” di GNOME

sudo mv /usr/bin/gnome-search-tool /usr/bin/gnome-search-tool.bak
sudo ln -s /usr/local/bin/search4files /usr/bin/gnome-search-tool

Poi dovete selezionare tracker-search come motore. Tra l’altro e’ molto utile per vedere sul campo la differenza naturalmente mostruosa fra metodi come find e locate e tracker.

Con questa aggiunta l’unica cosa che non potete fare in dapper e in edgy si’ e’ la ricerca direttamente da dentro nautilus. Magari piu’ in la’ vedo se trovo una soluzione anche a questo.

[Nota di Neff: grazie Beppe per questa ottima aggiunta. Non ti preoccupare per la formattazione del commento, ci penso io a metterlo a posto. Era tuttavia mia premura evitare che ti offendessi dato che ho messo mano alle tue parole e la cosa non è mai tanto piacevole. L'ho fatto solo per facilitare la lettura del commento, tutto qui. Ti ringrazio ancora per il prezioso contributo, e tu o qualcun altro ha altro da aggiungere... fatevi sotto! ;) Ciao]

Rispondi

Michele MattioniNo Gravatar said,

Commento • gennaio 2, 2007 @ 1:08 pm

P.s.: Okkio che le mailbox ancora non vengono indicizzate. Ne thunderbird ne evolution ne Kmail.

Il file di configurazione le indica, ma ancora quella configurazione non ha nessun tipo di effetto.

Neanche sulla versione 0.5.3 [quella corrente] di cui non è disponibile nemmeno il deb ancora …

Rispondi

NeffNo Gravatar said,

Commento • gennaio 2, 2007 @ 2:14 pm

@Michele Mattioni

Mitico! Grazie per la segnalazione… in effetti mi sono chiesto anch’io come mai tracker non indicizzava come avrebbe dovuto :P
Ho inserito la tua nota nella guida, in attesa che venga aggiunta la nuova funzionalità!

@Beppe

Ancora più mitico! :D ho aggiunto le istruzioni aggiuntive che hai segnalato al tuo commento precedente: avere tutto insieme facilita le cose per tutti. Non ti preoccupare per la formattazione del post, di quello me ne occupo io, non c’è nessun problema! Grazie ancora per il prezioso contributo!

Rispondi

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URI

Lascia un commento

Tutti i contenuti di Neffscape sono pubblicati secondo la licenza di utilizzo Creative Commons Attribution non commercial share alike 3.0.
• Neffscape è un sito pensato, creato e mantenuto da Marco Boneff