Ho un iPod Touch…

ipod-touch-3d.jpg

…e purtroppo non posso nascondervelo. Mi piace un casino.
L’ho acquistato in un noto sito di aste online svizzero (ricardo.ch tanto perchè lo sappiate) grazie al quale me lo sono accaparrato nuovo per la metà del prezzo ufficiale di vendita. È un modello da 16 GB di prima generazione, dotato inizialmente di firmware 1.1.4 ora upgradato alla versione 2.1… e ovviamente sbloccato grazie a Quickpwn.

iphone_touch_500.jpg

il Touch Prima e dopo il trattamento con Quickpwn

Premesse e scuse giustificazioni ;)

In passato mi sono più volte espresso negativamente nei confronti di Apple, e devo dirlo sinceramente: l’ho sempre fatto abbastanza a malincuore. Il rapporto tra me e Apple (se così si può chiamare, dato che più o meno il rapporto tra me e Cupertino è più o meno simile a quello che potrei avere con Keira Knightley o Natalie Portman… a senso unico) è stato da sempre un po’ di “odio-amore”. Ho sempre apprezzato la capacità da parte di Apple di avere delle idee innovative, che generano cambiamenti anche nella concorrenza. Ad esempio, è innegabile che dopo la sortita del famigerato iPhone, tutti concorrenti, da tempo impantofolati e svaccati sul loro divano si siano dati una mossa per creare il loro “anch’io iPhone”, ma si potrebbero fare esempi analoghi anche riguardo ad altre idee del passato. Il trackpad ad esempio fu una tecnologia inventata da apple, così come il mouse, la porta firewire, il CD rom come unità standard, l’interfaccia grafica ecc. Insomma, è innegabile che apple sia un’azienda innovatrice ed è innegabile che i prodotti da lei creata siano molto spesso dei veri gioielli, anche se – e qui casca l’asino – credo che rimangano poche ditte al mondo chiuse e ostili a GNU/Linux quanto lo è, ahimè, la multinazionale di Steve Jobs. Apple è inoltre una delle più grandi aziende utilizzatrici di DRM e, come ho scritto io stesso in un articolo di qualche tempo fa, non si fa probilemi ad usare tecnologie discutibili come quelle del trusted computing.
Insomma, eticamente Apple è un vero mostro… si salva unicamente sul profilo ambientale, verso cui sta (probabilmente a scopo di marketing) cercando di orientarsi.
Tuttavia quando ho visto quell’ipod touch da 16 GB nuovo e per quel prezzo…. non ho potuto resistere. Avevo nel cassetto i soldi di un regalo di compleanno in sospeso da mesi e… ho deciso di trasformarli. Non ero convintissimo al momento dell’acquisto. Pensavo che boh, alla fine il mio Sony Ericsson W880i adempisse piuttosto bene al suo duplice compito di telefono e lettore multimediale, e detto tra noi, era da un po’ che non sentivo la necessità di acquistare un gadget tecnologico. Non pensavo infine che se avessi deciso di dar fondo alle mie finanze lo avrei fatto acquistando proprio qualcosa di Apple. Eppure quando arrivano, le occasioni bisogna sfruttarle senza pensarci troppo, bisogna agire e buttarsi. Io l’ho fatto, sicuro che avrei comunque trovato il modo di difendermi dagli artigli di Cupertino in un qualche modo… e ho fatto bene: dopo qualche giorno di utilizzo i miei dubbi iniziali sono stati spazzati via come un brutto sogno. L’ipod non è solo un altro lettore mp3. È semplicemente qualcosa di diverso.

Limiti ed aspetti negativi
Ma siamo franchi per un secondo: non tutto ciò che brilla è sempre oro: infatti, a dire il vero, le funzioni di default presenti in ipod non faranno fremere il vostro ipotalamo di emozioni incontenibili. Abbiamo il solito (e quasi sempre inutile) google maps, una rubrica, un calendario, un’applicazione per controllare la posta, un player video (che legge solo il formato mp4) un player youtube, un player audio, un progamma di calcolatrice, un blocco note, un programma per visualizzare le immagini, un widget per controllare i vostri probabilissimi investimenti in borsa, un programma di meteo e due pulsanti di accesso ad itunes music store e ad appstore. Ed è piuttosto grazie a quest’ultimo che iPod touch inizia a diventare attrattivo. Usando direttamente il wifi è possibile accedere al negozio online di apple che ci permette di installare numero abbastanza elevato di programmini, giochi e inutility varie. Molte di queste sono gratuite, anche se ahimè, siamo in un mondo proprietario e di conseguenza molto spesso le versioni gratuite dei programmi sono semplici trial di versioni a pagamento più sofisticate. I programmini sono facili da installare, facili da rimuovere e facili da usare. Ma se le potenzialità dell’ipod si fermassero qui non esiterei a sconsigliarvene l’acquisto. Non basta un’interfaccia multitouch per giustificare 279 euro per un palmarino blindato o un lettore mp3 con gli anabolizzanti.
Aggiungiamo alle considerazioni negative che non c’è modo di usarlo con GNU/Linux (semplicemente l’ iPod si rifiuta di farsi vedere dal pinguino), ha una dotazione di codec che definire ridicola sarebbe eufemistico e non permette di visitare o visualizzare siti che fanno uso della tecnologia flash due limiti, questi ultimi, che potrebbero frenare l’acquisto da parte di possibili acquirenti, che verrebbero sicuramente accolti a braccia aperte dall’affamata concorrenza.
Aspetti positivi
Il discorso cambia invece abbastanza radicalmente una volta eseguita l’operazione di sblocco (chiamata in gergo Jailbreak) che è una procedura velocissima, sicura e assolutamente a prova di niubbo. Si esegue ahimè da windows o macosx (io ho usato quickpwn 2.1, che è veramente un gioiello di software) ma non richiede più di 3 semplici passi e qualche minuto di tempo. Quickpwn, sostanzialmente, installa nell’ipod touch 2 tool molto essenziali: un package manager del tutto simile a Synaptic (che usa file .deb e APT in backend!!!) chiamato Cydia, e un secondo installer dal fantasiosissimo nome “installer”. Questi due programmi permettono di installare su iPod praticamente tutto quel che l’universo mondo è in grado di concepire. è possibile aggiungere repository di terze parti ed è tutto assolutamente gratuito.
Grazie a Cydia ed Installer in poco tempo ho potuto installare un programma di radio streaming (che contiene migliaia di stazioni radio di tutto il mondo), un lettore di feed RSS pulito e funzionale, un client IM multiprotocollo elegante e ben studiato (molto meglio di fring, che si può invece ottenere gratuitamente tramite l’app store), Un file manager, un programma per craccare le reti wireless, un programma per attivare/disattivare il servizio wifi (che consuma batteria anche quando non state usandolo) e una valanga di giochi ed emulatori, tra i quali cito gpSPhone un emulatore del Gameboy Advance, NES, e genesis4iphone che vi permetterà di giocare con i numerosi titoli per Sega Mega Drive presenti in rete. La lista di applicazioni installabili è molto più lunga e non ha senso che io stia qui in questo momento ad elencarvele tutte. Quel che va detto è che grazie a questi repository (espandibili) l’ipod touch diventa veramente un minicomputer superaccessoriato, capace di fare praticamente qualsiasi cosa vogliate.

cydia

Ed ecco Cydia, il front end ad APT per iPod Touch e iPhone
che tutti gli amanti del pinguino apprezzeranno ;)

Touch & Feel (Conclusioni personali)

In conclusione quello che posso dire è che l’ipod touch è di gran lunga il gadget tecnologico più “fico” che abbia mai posseduto. Inizialmente non fa niente di veramente rivoluzionario (anche se dopo averlo sbloccato le possibilità di sfruttarlo al pieno delle sue potenzialità si moltiplicano esponenzialmente), ma ciò che veramente tiene incollati a quello schermo LCD tattile da 3,5 pollici, è il “come” lo fa. Ad usarlo si ha più o meno lo stesso godimento che si può avere nel leggere un libro ben scritto, che magari può portare lo stesso numero di informazioni di una lista della spesa, ma wow, mentre lo leggi …godi. :)
Ecco, è difficile da spiegare a parole. L’ipod touch è un oggettino che non bisogna imparare ad usare. Lo si prende in mano e si comporta quasi esattamente come ci aspettiamo che si comporti in modo del tutto naturale. L’interfaccia utente è di una semplicità disarmante ma allo stesso tempo risulta innovativa ed elegante.
La naturalezza nell’uso è secondo me dovuta in gran parte alla tecnologia multitouch utilizzata che fa dimenticare di trovarsi davanti ad un touchscreen. Semplicemente si sfogliano le foto, si spostano le cose, si ingrandiscono e ci vogliono davvero pochi secondi per sentirsi pienamente “a casa”. Insomma, la modalità di interazione con l’apparecchio genera un godimento extra che per finire, in appoggio agli aspetti positivi sopra elencati rendono giustificabile l’acquisto di questo prodotto. Naturalmente è d’obbligo l’essere disposti ad utilizzare windows per farci girare itunes e quickpwn, ed è necessario essere pronti a mettere da parte un po’ di quel sano spirito hacker che ci fa istintivamente odiare tutto ciò che è chiuso, proprietario e frutto di un’industria informatica senza scrupoli. Pazienza. Se siete pronti a questo utilizzare un iPod touch vi provocherà senz’altro piacevoli sensazioni di godimento fisico. :)
Ciò che farà fremere il cuore degli utenti “più pinguini” o in generale gli utenti più geek è sicuramente il frontend di APT (cydia) installato dopo l’operazione di jailbreak un programma che sommato ad installer e al servizio wifi rappresenta una porta sul mondo ed incarna la speranza di tutti quelli che come me aspettano che venga creata finalmente una qualche utility in grado di evitarmi l’uso di windoze e che magari mi consenta di riprodurre video swf, divx e di altri formati che senz’altro estenderebbero le capacità e i modi d’uso di questo ipod.

Post (forse) correlati:

    Nessun post correlato

Condividi questo articolo:

  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Twitter
  • Ping.fm
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Wikio
  • MySpace
  • Google Bookmarks
  • Technorati
  • Live
  • MSN Reporter
  • Netvibes
  • PDF
  • email
ottobre 14th, 2008 @ 04:34 PM • Classificato in IMHO, NEWS • Tags: , commenti [19]

19 commenti

ilmirkNo Gravatar said,

Commento • ottobre 14, 2008 @ 5:11 pm

Eccolo li. Parto con un “complimenti per l’acquisto”.
Non ho mai utilizzato un ipod touch ma ho usato (pr diversi giorni) un iphone di “prima generazione”, quindi diciamo che so cosa provi quando lo utilizzi.Ed è una sensazione fantastica.
Però….però c’è quel però che mi ballonzola nella testa.
Perchè io ti leggo da tempo, ma veramente da lungo tempo, e anch’io uso linux (e mac osX, dal quale ti sto scrivendo). E anch’io ci tengo alla mia libertà.Credo che tu abbia acquistato un ipod touch sapendo già che avresti potuto jailbreakkarlo, se no sei, scusami, un pochino ipocrita. Perchè io ho ancora in testa, e sono anche andato a rileggere, il tuo post “palladium rivive in iphone, ipod touch e iphone 3g”.E la cosa che più mi fa male è la frase: “In passato mi sono più volte espresso negativamente nei confronti di Apple, e devo dirlo sinceramente: l’ho sempre fatto abbastanza a malincuore.”
A MALINCUORE?!Dai, non prenderci in giro!Quando si spara a zero su microsoft e apple lo si fa con una grande gioia, perchè ci si sente “migliori”,informati, critici. Quindi non credo che quando hai scritto quel post su apple tu l’abbia scritto a malincuore.L’hai scritto pensando a ciò che scrivevi, pensando che non fosse giusto che dei prodotti cosi belli e innovativi potessero essere cosi dannatamente chiusi.Pensando che la “nostra” filosofia è meglio della “loro”.
Intendiamoci: reputo il tuo un bellissimo acuisto. Ti dirò di più, anch’io, amante del free software, mi prenderei volentieri un ipod touch.Perchè è un prodotto fantastico sotto tutti i punti di vista. Non mi prenderei mai un iphone, perhcè lo reputo un cellulare monco e veramente troppo chiuso, ma questa è un’altra stroria. va bhè, mi sto dilungando troppo e esto perdendo il filo del discorso. Volevo solo dirti…bell’acquisto, ma la prossima volta (IMHO!) evita frasi del tipo “scritto a malincuore” dopo aver sparato a zero poco tempo prima sugli stessi prodotti e aziende…
Scusami per lo “sfogo”, spero di non averti offeso. Tranquillo comunque, il tuo feed rimane nel mio aggregatore :-D

Rispondi

LucazannaNo Gravatar said,

Commento • ottobre 14, 2008 @ 5:38 pm

Mah… azienda rivoluzionaria sì e no: la maggior parte delle innovazioni che hai citato non le ha inventate la Apple, le ha solo comprate. Diciamo rivoluzionaria sotto il profilo marketing :)
Certo è che i prodotti Apple (io ho un iPod nano) sono esteticamente molto fighi, ahimé non altrettanto fighi sono dal punto di vista della qualità: se i primi modelli di iPod possedevano un suono veramente spettacolare, gli ultimi fanno proprio pena (analogo discorso si potrebbe fare con i Mac).
Aggiungendoci tutte le limitazioni che la Apple ti impone ed il prezzo a mio parere proibitivo e non concorrenziale, credo che non comprerò più i prodotti di Jobs.
Come sempre, sono pronto a essere smentito (da me stesso s’intende).

Intanto… Buon ascolto! ascolto

Rispondi

NeffNo Gravatar said,

Commento • ottobre 14, 2008 @ 7:33 pm

@ilmirk

Grazie per il commento. In effetti “a malincuore” significa proprio questo: mi piacciono i prodotti apple ma mi dispiace di doverli continuamente sconsigliare per le ragioni di libertà a cui tu accenni. A malincuore significa che anche io molto spesso vengo sedotto dal loro aspetto “figo” o dalle piccole cose che li rendono “speciali” o “diversi”, ma per essere coerente con le mie idee devo rinunciare.
Oltre per uno studente di comunicazione quale sono io, guardare una conferenza o un keynote di Steve Jobs è come per un appassionato di cinema andare a vedere il making of di un grande capolavoro. Il ragazzo ci sa maledettamente fare, e se penso che c’è gente che paga per andare a vedere lui che fa pubblicità ai suoi prodotti beh, significa che non sono l’unico che ammira la capacità di Apple di comunicare.
A malincuore, ancora una volta, devo constatare ripetutamente che Apple parla bene ma razzola male e che non mi è consentito diventare un fan della mela perchè non posso far finta di non vedere le porcherie che si celano dietro il sipario di seta. Ecco perchè a malincuore devo continuare a parlarne male.

Capisci cosa intendo per “a malincuore”? Si, sono stato forse non troppo aderente ai miei principi acquistando un touch. Sapevo ovviamente del Jailbreak ma questa non è una grande giustificazione. Certi comportamenti andrebbero boicottati, non appoggiati tramite l’acquisto. Metto a tacere la mia coscienza sapendo che questo iPod non l’ho acquistato da Apple ma da un privato che me l’ha a sua volta venduto di seconda mano… era ancora imballato, ma io direttamente non ho dato un soldo a Apple e ho comprato un ipod per la metà del prezzo…

Rispondi

NeffNo Gravatar said,

Commento • ottobre 14, 2008 @ 7:40 pm

@Lucazanna

Gli iPod non sono in genere un grande affare. Sono belli esteticamente e se si sta alle condizioni imposte da apple sicuramente “funzionano e basta”. In generale non comprerei più un ipod… ho preso il touch perchè non è il solito lettore mp3, perchè sapevo che aveva una marea di altre possibilità di utilizzo e perchè non esiste nulla del genere di concorrente. Inoltre ho preso questo touch senza rifletterci un granchè: ho trovato una megaofferta e prima che mi scappasse l’ho presa, cercando di non farmi frenare troppo dai miei valori. Il Jailbreak equivale a craccare qualcosa. Alle nostre latitudini è persino legale quindi non ci vedo niente di male, ma se non fosse stato possibile farlo mi sarei di certo astenuto dall’acquisto. Per quanto riguarda il calo di qualità dei mac mi trovi pienamente d’accordo. Mio padre è un grande mac user, ha sempre avuto solo dei mac e li adorava, specialmente prima della transizione ad intel. Ultimamente la qualità dei prodotti ad intel sta calando, forse per via dell’assemblaggio cinese o forse perchè dopo la transizione ad intel, di fatto i mac sono pc come gli altri, e possono essere facilmente messi a confronto con macchine concorrenti. Nessun macbook pro regge ad esempio il confronto col mio Dell XPS M1530 specialmente per quanto concerne il rapporto qualità prezzo. Il touch è comunque un buon acquisto, sono contento di averlo fatto, e se tornassi indietro lo rifarei.

Rispondi

PaoloNo Gravatar said,

Commento • ottobre 14, 2008 @ 9:50 pm

2 cose di fretta:

sapevo che il mouse (come altre cose) l’avessero inventato a Palo Alto, e che poi più o meno lecitamente Jobs si fosse appropriato dell’idea.

è vero che sto benedetto iphone non dispone di interfacce bluetooth?

ciao!

Rispondi

NeffNo Gravatar said,

Commento • ottobre 14, 2008 @ 11:45 pm

@Paolo

Il primo mouse è stato commercializzato da apple, ma il prototipo (il concept) fu creato da Xerox qualche anno prima. È risaputo che apple ebbe l’intuizione che quello sarebbe stato il futuro e credendo in quella tecnologia che Xerox era convinta non avesse futuro, la acquistò per un pugno di dollari e la commercializzò.

Non ho un iphone quindi non so se abbia o meno il bluetooth, quel che posso dirti è che senz’altro l’ipod touch non ce l’ha

Rispondi

LucazannaNo Gravatar said,

Commento • ottobre 15, 2008 @ 5:10 pm

Domanda: sai per caso se dovrei pagare particolari tasse per acquistare un prodotto dal sito che hai citato, visto che è svizzero ed io sono in Italia? se sì, sai se incidono molto sul prezzo?

Rispondi

Davide T.No Gravatar said,

Commento • ottobre 15, 2008 @ 7:37 pm

Io ho da poco acquistato un iPod Touch di seconda generazione, sempre da 16gb. L’unica cosa che m’ha fatto un po andare in bestia è la non possibilità di usarlo sotto Linux, peccato :( Ma per il resto è davvero spettacolare in tutto, non mi pentirò mai di aver fatto quest’acquisto.

E complimenti per l’acquisto anche da parte mia ;)

Rispondi

NetjackNo Gravatar said,

Commento • ottobre 15, 2008 @ 8:28 pm

@Neff
Si puo’ usare con linux? se no, a mio parere il tuo acquisto ha poco senso

Altra cosa, il touch/trackpad non e’ un’ invenzione apple ma Di Federico Faggin italiano di Vicenza, gia’ inventore del primo Microprocessore ora fondatore di Synaptic, dopo aver sparato a zero su apple adesso che hai preso un loro prodotto non attribuirgli invenzioni non sue :-(

Rispondi

ilmirkNo Gravatar said,

Commento • ottobre 15, 2008 @ 9:12 pm

no che apple sia rivoluzionaria è un dato di fatto eh. Se non fosse stato per apple non se se ora avremmo i personal computer (intesi proprio come “computer personale”: ibm non credeva che i pc servissero ai normali cittadini…)
Un esempio scemo:il fatto che se giri l’iphone (o ipod touch) in orizzontale si gira lo schermo (ma non in tutte le applicazioni). Invenzione rivoluzionaria? Beh, no.Il nokia N95 ha sempre avuto l’accelerometro.Quindi teoricamente…Ma solo dopo l’avvento di iphone nokia ha messo la possibilità di ruotare lo schermo quando ci pare e piace. Queste sono rivoluzioni nell’interfaccia utente, per me.E apple ci è arrivata prima di chiunque altro!

Comunque, ritornando al discorso:neff, ti capisco, e BENISSIMO.La penso come te.Ma proprio tale e quale…Non mi piaceva solo la parola “malincuore”… :D

Rispondi

NetjackNo Gravatar said,

Commento • ottobre 15, 2008 @ 10:30 pm

@ilmirk
Che apple veda molto avanti e’ verissimo, che utilizzi molte tecnologia prima degli altri e’ pure vero e che investa una quantita’ maggiore di sforzi e fondi per la cura delle interfaccie e l’ interazione con l’ utente anche e’ vero, ma bisogna dare a cesare quel che e’ di cesare e molte delle tecnologie che utilizza non sono nate in suo seno ad iniziare dal kernel di osx per poi andare su cover flow e arrivare al touchpad( solo per dirne alcuni) ;-) . e’ anche vero che Apple in molti casi da maggiore interesse a tecnologie gia’ esistenti, come nel caso dell’ accelerometro.

Rispondi

LucaNo Gravatar said,

Commento • ottobre 16, 2008 @ 9:17 am

Piccola precisazione. Apple non ha inventato il mouse o l’interfaccia grafica. Sono invenzione che ha comprato (anzi rubato per pochi spiccioli) da Lexmark che all’epoca faceva anche queste cose.

Che poi sia campione di design questo non lo metto in dubbio, ma diamo a Cesare ciò che è di Cesare …

Rispondi

LucaNo Gravatar said,

Commento • ottobre 16, 2008 @ 9:18 am

P.S. … Intendevo Xerox, infatti una persona mi ha preceduto. non mi ero accorto ;)

Rispondi

ilmirkNo Gravatar said,

Commento • ottobre 16, 2008 @ 1:02 pm

netjack se la metti cosi hai perfettamente ragione! ;-)

luca: se io invento qualcosa ma non riesco a “lanciarlo”, e vendo il brevetto ad un’altra azienda, quest’ultima non ruba.Fa solo il suo dovere: creare, lavorare e innovare.
Non vedo perchè bisognerebbe dare della ladra a apple.

Rispondi

NeffNo Gravatar said,

Commento • ottobre 16, 2008 @ 1:40 pm

Il vero punto per me non è chi inventa, ma chi ci crede. Come dicono Netjack e ilmirk, molte tecnologie sono preesistenti alle invenzioni di apple, ma il punto è che apple le ha viste, ci ha creduto e ha investito su queste tecnologie. Il fatto che xerox abbia inventato l’interfaccia grafica non è un segreto per nessuno. Il fatto che abbia deciso di svendere il suo progetto, che non ci abbia creduto, che abbia pensato che fosse una tecnologia senza futuro è un dato di fatto. Apple invece l’ha vista, l’ha comprata (e in parte rubacchiata) e ci ha costruito il computer del futuro. Grazie all’invenzione di Apple Lisa, il primo computer dotato di interfaccia grafica, si è dato il via all’informatica moderna.
Il punto non è la tecnologia, ma come si decide di utilizzarla. La tecnologia p2p alla base di skype ad esempio è preesistente, e apparteneva alla rete kazaa. Il fatto di aver intuito che si poteva usare quella rete per farci un programma voip è l’invenzione vera e propria. Gli accelerometri esistevano da secoli prima che apple la utilizzasse. Il fatto di utilizzare un accelerometro per creare giochi ed applicazioni interattive è l’invenzione vera e propria. Questo discorso si può fare con qualsiasi altra cosa. Il fatto è che il numero di invenzioni apportate con coraggio da apple è spaventosamente alto, e non paragonabile con nessuna altra impresa dell’informatica.

Comunque non mettetemi addosso l’etichetta di “paladino di apple”, perchè non lo sono, anzi, sono molto critico nei confronti di Cupertino quando c’è da esserlo. Netjack: non ho mai sparato a zero su Apple, mi sono opposto a determinate politiche scorrette, mi sono incazzato per il loro mancato supporto a GNU/Linux, mi sono indignato per il ricorso al trusted computing e ho fatto del mio meglio per avvisare l’utenza di questi comportamenti, scrivendo qui e sul giornale. Questo però non significa che io sia un estremista o un oppositore di Apple ad oltranza. Apple non è il diavolo ma un’azienda che produce dei prodotti più o meno buoni che adotta delle politiche più o meno buone. Bisogna saper osservare sia i lati positivi che i lati negativi delle cose, l’importante farlo sempre con cognizione di causa, senza farsi abbagliare dalle campagne di marketing nè dagli attivisti.

Sto cercando di essere me stesso con tutte le contraddizioni del caso. Ammetto che apple non è l’azienda più fair del mercato ma constato tuttavia che i suoi prodotti restano a mio parere dei piccoli capolavori. Che c’è di male? Hai parlato di “dare a Cesare quel che è di Cesare”, beh bisogna saperlo fare anche quando Cesare incarna i panni scomodi di Apple.

Rispondi

NetjackNo Gravatar said,

Commento • ottobre 16, 2008 @ 4:14 pm

@Neff
“Hai parlato di “dare a Cesare quel che è di Cesare”, beh bisogna saperlo fare anche quando Cesare incarna i panni scomodi di Apple.”

Concordo, difatti personalmente non ho quasi mai criticato Apple per le sue scelte (a parte il nuovo macbook entry level senza tastiera retroilluminata e firewire a quel prezzo scandaloso) anzi ho sempre ammirato i suoi prodotti. Penso che apple sia proprio l’ opposto di linux e cmq la sua politica di massimo controllo sui prodotti e chiusura del software ha un certo senso se applicata in modo coerente e per i benefici dell’ utilizzatore finale ma il senso lo perde se usata solo come metodo vincolante e speculativo, sfortunatamente non sapremo mai in che modo la intende apple quindi meglio tenere sempre le orecchie ben tese :-)

Rispondi

StefanoNo Gravatar said,

Commento • dicembre 11, 2008 @ 2:11 pm

Ciao!

avrei una domanda da farti, in ubuntu come gestisci l’iPod? Che programma usi? Io ho un iPod Classic (6G da 80GB) e ho provato con Rhythmbox, floola, Gtkpod e Banshee, ma riesco solamente ad prelevare i files dall’iPod per trasferirli sull’hard disk del pc ma non viecersa. Ho letto in giro che questo è probabilmente dovuto al fatto che la Apple ha utilizzato per tutti gli iPod nuovi, quindi compreso anche l’iPod Touch, un sistema di crittografia SHA1 in modo da obbligare gli utenti ad utilizzare per forza itunes. Tu come hai risolto il problema?

Grazie

Rispondi

NeffNo Gravatar said,

Commento • dicembre 11, 2008 @ 3:09 pm

@Stefano

Non sapevo che anche l’iPod Classic fosse affetto dal problema degli hash crittografati. Io per il momento ho parcheggiato il problema e mi sono rassegnato a sincronizzare il mio iPod con Virtualbox + WinXp + iTunes.

Sto preparando una miniguida che dovrebbe apparire tra oggi e domani su queste pagine, perchè effettivamente non basta installare Virtualbox e XP per rendere possibile la sincronizzazione con l’iPhone/iPod Touch/iPod Classic 6G. È necessario installare un modulo USB diverso e patchare VirtualBox. Per fortuna esiste uno script che rende tutto molto semplice da attuare.

Se vuoi portarti in avanti per essere pronto a seguire la mia imminente guida puoi iniziare ad installarti la versione closed source di VirtualBox che puoi scaricare da QUI, puoi installare XP e le VirtualBox Guest additions. Configura già come cartella condivisa in VirtualBox la tua directory contenente la Musica ed installa iTunes 8. In serata spero di riuscire a pubblicare la mia guida. Stay tuned!

Rispondi

NeffNo Gravatar said,

Commento • dicembre 11, 2008 @ 5:46 pm

@Stefano

Post pubblicato. Buon divertimento :P

Rispondi

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URI

Lascia un commento

Tutti i contenuti di Neffscape sono pubblicati secondo la licenza di utilizzo Creative Commons Attribution non commercial share alike 3.0.
• Neffscape è un sito pensato, creato e mantenuto da Marco Boneff