Installare XGL e compiz-vanilla su ubuntu Dapper (Scheda grafica Nvidia GeForce 5200)

Dopo diverse peripezie sono riuscito ad installare XGL e compiz sul mio computer. Il problema maggiore che ho riscontrato nell’installazione non è stato prevalentemente tecnico bensì è dovuto alle innumerevoli guide all’installazione presenti su internet, alcune delle quali sono solamente parzialmente. Per riuscire ad installare e a risolvere gli innegabili problemi post-installazione ho dovuto attingere da diverse fonti. Per evitare che anche voi dobbiate fare lo stesso riporterò qui di seguito le indicazioni utili che ho trovato per l’installazione.

XGL / Compiz è un sistema di Desktop 3d per linux. Applicato a GNOME (su KDE pare ci siano ancora dei problemi) XGL trasforma la vostra esperienza davanti al computer in qualcosa di esaltante. Oltre che molto comodo (XGL aggiunge diverse funzionalità anche non prettamente estetiche) XGL rende più fluido il vostro lavoro, appoggiandosi al vostro acceleratore grafico e liberando l’hard disk da pesanti operazioni grafiche. XGL non rivoluziona l’uso del vostro computer. XGL aggiunge semplicemente degli effetti al vostro gnome esistente.

XGL che è il server grafico che rende possibile tutto questo ben di dio, utilizza compiz per generare i diversi effetti che potrete usare. Di compiz finora esistono due versioni, una ufficiale, mantenuta dal creatore stesso di XGL/compiz detta compiz-vanilla ed una unstable detta compiz-quinn. Compiz vanilla è meno dotata di effetti, non supporta i temi di metacity ma è incredibilmente piu stabile, pare infatti che chi usa quinn riscontra non pochi problemi a causa del cambiamento brusco di diverse features da una versione all’altra e a causa della sparizione recente dei pacchetti all’interno dei repositories ufficiali. Questi sono solo alcuni motivi che mi portano a scegliere compiz-vanilla su compiz-quinn. Se volete installare compiz-quinn, questa è la guida sbagliata.

Siete pronti? Allora seguitemi

Chiedo umilmente perdono per la formattazione un po’ confusionale di questa guida… è il risultato di un “collage” di diversi siti e non ho avuto ancora il tempo di sistemarla.
Vorrei ringraziare tutti i veri geni che hanno creato parte di questa guida. Mi spiace dover “fregar” loro parte delle loro spiegazioni. Farò tutto il possibile per citare le fonti di tutto ciò che ho qui pubblicato:
Fase 1 aggiungete repositories extra alla vostra distro ubuntu:
(fonte: wiki non ufficiale ubuntu dapper)

aprite un terminale e digitate:

sudo cp /etc/apt/sources.list /etc/apt/sources.list.bak
sudo gedit /etc/apt/sources.list

Selezionate tutto il testo nel vostro sources.list ed incollate il seguente

## Add comments (##) in front of any line to remove it from being checked.
## Use the following sources.list at your own risk.

deb http://archive.ubuntu.com/ubuntu dapper main restricted universe multiverse
deb-src http://archive.ubuntu.com/ubuntu dapper main restricted universe multiverse

## MAJOR BUG FIX UPDATES produced after the final release
deb http://archive.ubuntu.com/ubuntu dapper-updates main restricted universe multiverse
deb-src http://archive.ubuntu.com/ubuntu dapper-updates main restricted universe multiverse

## UBUNTU SECURITY UPDATES
deb http://security.ubuntu.com/ubuntu dapper-security main restricted universe multiverse
deb-src http://security.ubuntu.com/ubuntu dapper-security main restricted universe multiverse

## BACKPORTS REPOSITORY (Unsupported.  May contain illegal packages.  Use at own risk.)
deb http://archive.ubuntu.com/ubuntu dapper-backports main restricted universe multiverse
deb-src http://archive.ubuntu.com/ubuntu dapper-backports main restricted universe multiverse

## PLF REPOSITORY (Unsupported.  May contain illegal packages.  Use at own risk.)
deb http://packages.freecontrib.org/plf dapper free non-free
deb-src http://packages.freecontrib.org/plf dapper free non-free

a questo punto salvate e digitate

sudo apt-get update

Fase 2: installare i driver ufficiali NVIDIA
(fonte: wiki non ufficiale ubuntu dapper)

sempre da terminale digitate

sudo apt-get install nvidia-glx nvidia-kernel-common
sudo nvidia-glx-config enable

=> Riavviate il PC

Fase 3: configurare il server x, perchè usi i nuovi driver e renda possibile l’esecuzione di xgl (fonte: wiki non ufficiale ubuntu dapper)

sudo cp /etc/X11/xorg.conf /etc/X11/xorg.conf_backup
sudo gedit /etc/X11/xorg.conf

Trova questa sezione

Section "Module"
Load	"i2c"
Load	"bitmap"
...
Load	"type1"
Load	"vbe"
EndSection

Commenta dri e GLcore (se presenti)

    #	Load	"dri"
    #	Load	"GLcore"

Assicurati che il modulo glx sia caricato

    Load	"glx"

Trova questa sezione (i tuoi valori potrebbero essere diversi)

    Section "Device"
    Identifier	"NVIDIA Corporation NV34M [GeForce FX Go5200]"
    Driver		"nv"
    BusID		"PCI:1:0:0"
    EndSection

Sostituisci con le righe seguenti, lasciando Identifier e BusID come sono

    Section "Device"
    ...
    Driver		"nvidia"
    ...
    Option		"RenderAccel"		"true"
    Option		"AllowGLXWithComposite" "true"
    EndSection

Trova questa sezione

    Section "Screen"
    Identifier	"Default Screen"
    Device		"NVIDIA Corporation NV34M [GeForce FX Go5200]"
    Monitor		"Generic Monitor"
    DefaultDepth	16

Assicurati che DefaultDepth sia impostato a 24, se non lo è già

    DefaultDepth	24

Salva il file modificato
Fase 4: aggiunta e validazione dei repositories ufficiali dai quali scaricherete xgl e compiz, installazione e configurazioni finali (a questo indirizzo ulteriori informazioni, purtroppo l’autore non mi ha permesso di pubblicare qui quanto da lui scritto, peccato per i creative commons…)


Post (forse) correlati:

    Nessun post correlato

Condividi questo articolo:

  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Twitter
  • Ping.fm
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Wikio
  • MySpace
  • Google Bookmarks
  • Technorati
  • Live
  • MSN Reporter
  • Netvibes
  • PDF
  • email
settembre 27th, 2006 @ 01:54 PM • Classificato in GUIDE • Tags: , , , commenti [7]

7 commenti

NetJackNo Gravatar said,

Commento • dicembre 30, 2006 @ 5:09 am

>Fase 4: aggiunta e validazione dei repositories ufficiali dai quali scaricherete >xgl e compiz, installazione e configurazioni finali (a questo indirizzo ulteriori >informazioni, purtroppo l’autore non mi ha permesso di pubblicare qui quanto da >lui scritto, peccato per i creative commons…)

Scusa ma le CC non permettono di citare fonti altrui? l’unico giusto vincolo e’ far comparire anche l’autore o sbaglio?

Rispondi

NeffNo Gravatar said,

Commento • dicembre 30, 2006 @ 12:35 pm

Si, hai ragione… o quasi. Potrei pubblicare quello che voglio dal blog di felipe purchè io citi la fonte e non agisca a fini commerciali. In realtà la prima versione di questo post includeva parte del testo di felipe. La cosa purtroppo non gli è piaciuta molto e mi ha scritto due commentacci chiedendomi di togliere le sue frasi da qui. Avrei avuto tutto il diritto di pubblicare quello che volevo in quanto la sua licenza me l’avrebbe permesso, ma non ha senso pubblicare qualcosa che l’autore non vuole essere pubblicato, e non ha secondo me senso iniziare un litigio inutile, che non farebbe altro che danneggiare entrambi. Se lui non vuole non pubblico, mi sembra la cosa più ragionevole da fare…

Rispondi

JobbeNo Gravatar said,

Commento • dicembre 30, 2006 @ 2:19 pm

Apprezzabile senz’altro il tuo approccio di smorzare la polemica, però, inutile a fare tanti i “fighi” ad usare licenze CC se poi non si rispettano, allora che mister boria et ignoranza felipe cambi la sua licenza.

Rispondi

astarsNo Gravatar said,

Commento • dicembre 30, 2006 @ 8:38 pm

Sono pienamente d’accordo con Neff, io pur non avendo preso nessun articolo dal blog di Felipe ho comunque rimosso i link e gli rss dal mio sito. Non sono per nulla soddisfatto dell’uso che fa della licenza CC.

Proporrei a tutti di evitare di citare il suddetto blog in qualsiasi posto.

Ciao

Rispondi

NetJackNo Gravatar said,

Commento • dicembre 30, 2006 @ 11:15 pm

@Neff
come dice Jobbe e’ ammirevole il fatto che tu non voglia alimentare polemiche o quant’altro, pero’ che senso ha che ad esempio io mi metta a scrivere un post citando altre fonti sotto CC e poi metta il veto ad altri di fare lo stesso con i miei articoli???? mi sembra che questa cosa vada molto contro quello che io intendo come comunita’ open e vada contro tutto quello che e’ la filosofia che sta dietro gnu/linux, ovvero collaborare e condividere.
Boh queste cose proprio non le capisco e soprattutto non so neanche quanto regolare sia fare pressioni per rimuovere citazioni se si utilizzano le CC.

Comunque in bocca al lupo per il tuo blog

Rispondi

NetJackNo Gravatar said,

Commento • dicembre 30, 2006 @ 11:39 pm

@Neff
se vuoi puoi riportare la parte che ti manca prendendola da qui:

http://imu.altervista.org/xgl-ibook-g4.html

sono sicurissimo che non ti faranno problemi ad utilizzarla.

la parte che manca a te c’e’ e dovrebbe funzionare senza problemi, solo che e’ per ati se vuoi che vada anche su nvidia c’e’ una piccola modifica da fare in questa sezione:

# Override display 0 to use Xgl.

al posto di -accel xv:pbuffer devi mettere -accel xv:fbo

dagli comunque una controllatina ok

ciao e spero possa servirti

Rispondi

NeffNo Gravatar said,

Commento • dicembre 31, 2006 @ 12:46 am

@Netjack & Astars

Vi ringrazio per l’appoggio, a suo tempo mi ero incazzato anch’io parecchio per quel commento, però adesso lo considero acqua passata. Certo, le creative commons servono alla condivisione, altrimenti basterebbe mettere tutto sotto copyright e la cosa sarebbe chiara per tutti.

Tuttavia alla fine non sta a me insegnare alla gente cosa significa “condivisione” e non mi va di forzare nessuno a fare ciô che dimostra di non volere con i fatti. Prima che una licenza la decisione di voler condividere qualcosa è un gesto di altruismo, un sentimento sincero di voler aiutare qualcuno. Un credo individuale. Per questo anche se felipe utilizza la licenza cc per il proprio blog, se dichiara esplicitamente di non voler condividere un contenuto preferisco scegliere di rispettare la sua volontà “dimostrata” piuttosto che agire da giurista e seguire meticolosamente la sua licenza pur sapendo che non gradisce quello che faccio.

La cosa che a suo tempo mi aveva fatto piu sorridere è che questo blog, nato inizialmente per me e pochi miei amici (parliamo di tre, quattro persone al massimo) e che io usavo di più come un “quaderno d’appunti” virtuale, sia diventato un problema per qualcuno che fa migliaia di visite al giorno, come se il mio piccolo howto potesse diventare un problema per lui.

Quando ho iniziato a scrivere su linux in questo blog pubblicavo le mie piccole scoperte da niubbo (ehm… si può benissimo leggere questa frase al presente). Si può dire che questo è quasi un diario del mio “crescere pinguino” sia tecnicamente che “spiritualmente”. Tante cose qui annotate sono probabilmente cazzatine per uno che sguazza in bash da decenni, ma per me scriverle qui è come un “prendere appunti” per non dimenticarmi come si fanno certe cose.
Beh, sinceramente non speravo neppure, quando ho iniziato a scrivere, che qualcuno iniziasse a seguirmi e ad addirittura chiedermi di potenziare i miei RSS per leggermi meglio. Per me è una gioia davvero avervi qui e leggere i vostri commenti. Non sono certo bravo come felipe, ma magari col tempo… ;)

@NetJack
Grazie per i preziosi consigli, oggi non ho tempo ma appena posso vedrò di riattualizzare quella guida… anche se forse con l’uscita di feisty non ci sarà più bisogno di usarla…

Rispondi

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URI

Lascia un commento

Tutti i contenuti di Neffscape sono pubblicati secondo la licenza di utilizzo Creative Commons Attribution non commercial share alike 3.0.
• Neffscape è un sito pensato, creato e mantenuto da Marco Boneff