Linux Mint 7 (Gloria): una distro da provare!

Ebbene si, alla fine l’ho provata!  Smanettando senza ritegno nel mio (pochissimo) tempo libero ho finito per danneggiare la mia povera Jaunty. Non avendo tempo da perdere per reinstallare e riottimizzare la distribuzione, ho deciso per vie più radicali: ho formattato e reinstallato tutto scegliendo, questa volta, di sostituire ubuntu con Mint 7 nome in codice Gloria.
Linux Mint è un “mini” fork di ubuntu, si tratta cioè di una distribuzione derivata da ubuntu, in pratica una versione già ottimizzata, ripulita e condita da qualche interessante gadget, che consente a chi non ha tempo a disposizione di concentrarsi sul lavoro da produrre invece che del sistema operativo. Mint approda sul desktop con un tema Shiki Colors impostato come default, codec multimediali preistallati, thunderbird al posto di Evolution e un update manager rivisto e corretto, che consente all’utente di distinguere tra gli aggiornamenti più sensibili e potenzialmente pericolosi dagli aggiornamenti di sicurezza considerabili come “di routine”. Un altra simpatica chicca è la possibilità di installare software da getdeb o altre fonti direttamente da una comoda interfaccia integrata con synaptic. Per rispondere all’esigenza di molti utenti di poter scambiare rapidamente file con i propri amici o parenti, il servizio MintUpload consente con un rapido clic del mouse di caricare temporaneamente i propri file su un server remoto gestito dalla distribuzione stessa. Basta un clic destro sull’icona di uno screenshot per inviare il file sul server di mint. Il servizio offre poi automaticamente un url con il quale è possibile linkare il file alla propria pagina web o ai propri contatti su pidgin. Insomma rapido, veloce e sicuro e non occorre avere a disposizione uno spazio di hosting. Altra chicca tutta “mintesca” è senz’altro l’innovativo “mint menu”. Un menù unico dal quale è possibile accedere velocemente ad applicazioni risorse ed impostazioni del sistema e che rispetto ai menù tradizionali di GNOME presenta un’utile novità: cliccando col tasto destro del mouse sull’icona di un’applicazione,  è possibile decidere di disinstallarla, senza dover per questo avviare synaptic o l’apposito gestore delle applicazioni “MintInstall”. Per il resto mint è una normalissima ubuntu. La derivata viene rilasciata normalmente uno o due mesi dopo la distribuzione madre, il che permette al team, di aggiornare, aggiungere nuovi servizi e osservare all’opera le performance dell’ultima ubuntu. Mint è insomma sostanzialmente una ubuntu “corretta e rivista”, con qualche utile aggiunta che può servire agli utenti niubbi per avere da subito un sistema “pronto e funzionante” e agli utenti esperti per non dover ogni volta ottimizzare ubuntu prima di avere qualcosa che soddisfi i loro più sottili e raffinati palati.

Insomma è da provare, chiaro il concetto? ;)

Post (forse) correlati:

    Nessun post correlato

Condividi questo articolo:

  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Twitter
  • Ping.fm
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Wikio
  • MySpace
  • Google Bookmarks
  • Technorati
  • Live
  • MSN Reporter
  • Netvibes
  • PDF
  • email
maggio 28th, 2009 @ 01:04 PM • Classificato in IMHO, NEWS • Tags: , , commenti [13]

13 commenti

wildluxNo Gravatar said,

Commento • maggio 29, 2009 @ 2:18 pm

ok lo farò appena ho due minuti di tempo va bene :D
vedremo

Rispondi

pumixNo Gravatar said,

Commento • giugno 2, 2009 @ 9:22 pm

Ho provato LinuxMint 7 e graficamente la trovo bella, purtroppo non ho fatto molte prove per i problemi che mi affliggono anche con Ubuntu 9.04 sulla quale é basata. La CPU sale facilmente al 100%, con ” monitor di sistema” attivato é costantemente al 50%, e lo scrolling non é fluido, anche con il nuovo kernel (2.6.28-12) non cambia, sui forum per ora non ho trovato indicazioni per risolvere il problema. Con le precedenti versioni (dalla 7.04 alla 8.10) non ho mai avuto problemi di questo genere.
Complimenti per il sito con molti articoli interessanti.
Saluti

Rispondi

NeffNo Gravatar said,

Commento • giugno 3, 2009 @ 8:59 am

@pumix
quali sono le specifiche del tuo sistema (processore, ram, scheda video?), su certi sistemi per risolvere è necessario disabilitare compiz :S

Rispondi

pumixNo Gravatar said,

Commento • giugno 3, 2009 @ 11:26 pm

<!– @page { size: 21cm 29.7cm; margin: 2cm } P { margin-bottom: 0.21cm } –>
Intel Pentium Dual CPU E2140 1.60 GHz
1 GiB di ram
<!– @page { size: 21cm 29.7cm; margin: 2cm } P { margin-bottom: 0.21cm } –>
Silicon Integrated Systems [SiS] 771/671 PCIE VGA Display Adapter (rev 10)
compiz non funziona, con nessuna distribuzione (molto probabilmente la VGA integrata non é adatta). Per un uso senza effetti grafici però é abbastanza performante.
Aggiungendo un secondo HD, Linux Mint 7, all’inserimento della password, carica il desktop della partizione corrispondente del secondo HD e si blocca e non rimane che fare CTRL+ALT+F1. Con le altre partizioni tutto funziona regolarmente.
 

Rispondi

mimmozzoNo Gravatar said,

Commento • giugno 4, 2009 @ 1:41 am

caro neff, ricordati di provare sidux 2009-02 (uscirà in questo mese, la prima versione basata su kde 4) ;)

Rispondi

NeffNo Gravatar Risposta:

Ho provato Sidux ma… ma… sono rimasto deluso! Soprattutto trovo che sia realizzata in un modo un po’ triviale, non è meglio installare direttamente una debian sid? Per KDE4 Hai provato Mint 7 KDE edition? Te la consiglio, funziona tutto out of the box, e trovo sia un ottimo compromesso tra usabilità e innovazione. Certo non è proprio “bleeding edge” (certamente sid è più avanzata) però sicuramente è progettata meglio di Sidux.

Rispondi

pumixNo Gravatar said,

Commento • giugno 5, 2009 @ 4:43 pm

Risolto in parte problema scheda grafica SiS 771/671 PCIE VGA e Ubuntu 9.04 installando il pacchetto xorg-driver-sis671_0.9_i386.deb da Ubuntu Forums,
la CPU torna a valori normali e lo scrolling é fluido.
Attenzione il pacchetto modifica la risoluzione e certi schermi potrebbero non funzionare.
Prima di installare il pacchetto é meglio modificare la section “Screen”
in /etc/X11/xorg.conf e impostare la risoluzione che si desidera.
Saluti

Rispondi

neffscapeNo Gravatar said,

Commento • giugno 10, 2009 @ 3:16 am

Certo che lo farò!!! È da un pezzo che voglio provare sidux, ne ho sentito parlare molto bene… ma ogni quanto viene rilasciata?

Rispondi

neffscapeNo Gravatar said,

Commento • giugno 10, 2009 @ 3:17 am

Grazie Pumix per il contributo!

Rispondi

MatNo Gravatar said,

Commento • agosto 18, 2009 @ 3:58 pm

ho linux minnt 7 installato sul mio acer 5220 ma non riesco a rimuoverlo per far partire xp come posso fare?

Rispondi

NeffNo Gravatar Risposta:

Ciao! Dalla tua domanda non riesco a capire cosa vuoi fare (e soprattutto cosa hai fatto). Se hai solamente provato linux mint (e lo stai facendo girare da CD) per accedere a XP è sufficiente arrestare il sistema ed espellere il CD. Se invece hai installato linux mint mi auguro che tu l’abbia fatto seguendo la procedura guidata che consente di installare il tutto “a fianco” di XP. In questo caso all’avvio del computer dovrebbe comparire un bootloader, in pratica una schermata che ti fa decidere quale sistema operativo avviare (mint o xp). Il terzo scenario è che tu abbia inavvertitamente installato mint su tutto il tuo hard disk, e in questo caso amico mio, c’è poco da fare: significa che hai sovrascritto xp e questo non è più avviabile. Prima di panicare comunque verifica di avere ancora la partizione con dentro windows. Lo puoi fare navigando all’interno di Linux mint, navigando in “Computer”. Se hai ancora una partizione con dentro windows dovresti vederla (si chiama “supporto da XX.X GB”) e dovresti poterla navigare. Comincia a rispondere a queste domande, se riesci a navigare dentro la partizione di windows il problema non dovrebbe essere grave. Se invece hai sovrascritto xp ahimè, c’è poco da fare…

Ah, un’ultima cosa. Se hai installato Mint “a fianco” di Xp può darsi che tu ottenga degli errori con l’avvio di windows a causa della frammentazione del disco. Di solito quando si crea una partizione per un altro sistema operativo è buona norma dapprima 1) eseguire un backup dei propri dati importanti 2) eseguire una deframmentazione del disco per evitare che con la partizionatura il sistema operativo pre-esistente risenta del cambiamento. Se non hai fatto la deframmentazione c’è il rischio che qualche dato sia andato perso, e forse questi dati sono quelli che permettono ad xp di avviarsi. Di solito è possibile rimediare a questo problema, ma prima devo capire quale di questi scenari si addice alla tua situazione. Sii un po’ più prolisso nella descrizione del tuo problema e cercherò di aiutarti come meglio posso

Rispondi

giorgiescuNo Gravatar said,

Commento • novembre 3, 2009 @ 12:13 pm

Ho provato la linuxmint 7 con KDE e con GNOME.
Nel primo caso la risoluzione del monitor è stata settata automaticamente dal programma ottimamente;
nel secondo caso, reinstallando il tutto con Gnome, sembra che la risoluzione sia più bassa; ho provato ad intervenire ma risulta già al massimo delle possibilità di settaggio.
Esiste un modo per superare l’ostacolo e forzare ad una risoluzione maggiore?
Grazie
Giorgiescu

Rispondi

NeffNo Gravatar Risposta:

Ciao! Che scheda grafica hai? La tool per l’impostazione del monitor funziona solo con le schede intel. Se hai una scheda NVIDIA, devi assicurarti di aver installato i driver proprietari appropriati, dopodichè la risoluzione va impostata usando la tool “nvidia-settings” (se non la trovi nel menù forse è nascosta … ma puoi avviarla tranquillamente da terminale digitando “nvidia-settings” nel terminale). Se invece hai una ATI… ehm… non so aiutarti (non ne ho mai avuta una). Però non dovrebbe essere un problema difficile da risolvere prova a fare una domanda sui forum di ubuntu-it (www.ubuntu-it.org)

Rispondi

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URI

Lascia un commento

Tutti i contenuti di Neffscape sono pubblicati secondo la licenza di utilizzo Creative Commons Attribution non commercial share alike 3.0.
• Neffscape è un sito pensato, creato e mantenuto da Marco Boneff