Rieccomi, nuovamente civile!

pronti-all-impiego

Eccomi, sono vivo. Chiedo scusa per l’assenza di queste ultime settimane. Sono appena ritornato da un mese (!) di servizio in grigioverde che mi ha visto adempiere al mio compito protettore della Patria (le mie gesta con il fotocopiatore da combattimento 85 resteranno scolpite nella storia) nelle località alpine più remote e sconosciute. Sto naturalmente parlando delle indimenticabili e lussuriose località di Gluringen, nella valle di Goms in Alto Vallese dove ci siamo esercitati con il tiro e di Dintikon (non Dietikon) e Kriens nella Svizzera centrale dove insieme, i militi del gr DCA m 32 hanno potuto dare sfogo alla loro impareggiabile e organizzatissima tattica di combattimento. Tanto per cambiare abbiamo vinto la guerra, i ROSSI hanno abbandonato i loro oscuri progetti di invasione e grazie all’impiego nostri cannoni DCA 35 mm per la difesa contraerea, nessun turboporter o biplano da combattimento oserà mai più invadere i nostri cieli sovrani :D

Ehm…. ma abbandoniamo per un secondo queste affermazioni (condite, lo ammetto, da espressioni più o meno colorite dal sapore vagamente ironico). Il succo della questione è che sono tornato e sono nuovamente pronto ad ammorbarvi con i miei post e i miei commenti. Si salvi chi può!

Post (forse) correlati:

    Nessun post correlato

Condividi questo articolo:

  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Twitter
  • Ping.fm
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Wikio
  • MySpace
  • Google Bookmarks
  • Technorati
  • Live
  • MSN Reporter
  • Netvibes
  • PDF
  • email
febbraio 20th, 2009 @ 03:35 PM • Classificato in NEWS • Tags: , commenti [8]

8 commenti

ZappaNo Gravatar said,

Commento • febbraio 20, 2009 @ 4:27 pm

Bentornato!
Giusto una curiosita’, ma li’ in Svizzera, come funziona il servizio militare? lo fate un po’ alla volta? Ed il lavoro?
ciao
Zappa

Rispondi

NeffNo Gravatar said,

Commento • febbraio 20, 2009 @ 6:57 pm

@Zappa

Per un soldato semplice il servizio militare in Svizzera prevede una scuola reclute a 20 anni, della durata di circa 4 mesi e poi 6 corsi di ripetizione da 19 giorni da svolgere entro l’età del proscioglimento che in questo momento è fissata a 35 anni.

Praticamente si, ogni anno sei costretto a lasciare tutto e partire per il tuo corso di ripetizione, e non ci sono storie. Si può decidere di rimandare, ma si paga e anche caro (si paga una percentuale del reddito famigliare annuale). Il datore di lavoro è tenuto a pagarti normalmente, poi lo stato lo indennizza restituendogli l’80% dello stipendio versato (perdita di guadagno).

Un tempo se non si svolgeva il servizio militare era difficile trovare lavoro, oggi che c’è la globalizzazione, svolgere servizio militare è a volte negativo per la carriera. Infatti solo il 60% degli svizzeri oggi presta regolarmente servizio. La maggior parte delle persone riesce a farsi scartare anche se questo significa pagare…

Io sono stato reclutato nel 2002 quando era in vigore una legge più severa di quella attuale. In quegli anni era molto più difficile farsi scartare, e i corsi di ripetizione erano duravano fino a 50 anni… Con l’entrata in vigore della nuova legge hanno ridotto i miei corsi a 7, ma per finire prima sono riuscito a farmi mettere in ufficio, dove svolgo annualmente 24 giorni di corso. In questo modo dovrei riuscire a finire entro 2 anni. Speriamo in bene….

Rispondi

patrick91No Gravatar said,

Commento • febbraio 21, 2009 @ 8:18 pm

Che io sappia si può fare anche tutto in una volta (15 mesi di seguito), almeno per gli svizzeri all’estero dovrebbe essere così :)

Rispondi

NeffNo Gravatar Risposta:

@Patrick

Si, dopo la riforma “Esercito XXI” del 2004 è possibile assolvere tutti i giorni di servizio in 10 mesi (per un normale soldato) di fila. Ai miei tempi (ho svolto la mia scuola reclute nell’estate del 2002) questo non era possibile e quindi mi sono dovuto “cuccare” i corsi di ripetizione. La mia personalissima posizione è che era meglio prima, quando tutti dovevano farsi i corsi di ripetizione fino a quasi 50 anni, ma due settimane ogni due anni con dei corsi molto più leggeri, che servivano si a ripassare ma soprattutto servivano a cementare dei rapporti umani e a far conoscere il paese un po’ a tutti ( i corsi rip ti portavano in diverse parti del Paese ogni anno).

Allora la Svizzera non era un paese con un esercito, ma un paese che ERA un esercito. Non prendetemi per militarista. Io personalmente non amo maneggiare le armi ne mi esalto particolarmente durante i corsi di ripetizione. Credo però che il servizio militare in Svizzera era qualcosa di unico che oltre alla difesa serviva a crescere, a intessere relazioni trasversali alle classi sociali e che forniva anche l’occasione, ogni due anni per due settimane, di ritrovarsi con i soci di una vita.
Il militare aiutava le persone a mantenere i contatti e a stabilire delle reti di conoscenza utili anche nella vita civile. Oggi con esercito XXI tutto è ridotto ad una pseudo-scuola reclute, con la sola differenza che i soldati della vecchia guardia ne sanno di più degli ufficiali, e chi svolge il servizio militare (solo il 60% della popolazione in definitiva) è svantaggiato sotto il profilo lavorativo. Con esercito XXI, i corsi di ripetizione sono diventati più duri e più frequenti, e il rapporto tra le persone è cambiato a causa dei nuovi quadri, più impegnati a dimostrare ai loro superiori di essere in grado di svolgere la loro funzione che a svolgere BENE la loro funzione.

Oggi in definitiva, se non riesci a farti scartare prima della scuola reclute, finisci in un guazzabuglio che ha come unico vantaggio quello di tenerti al riparo dalla tassa militare. Punto. Benefici per il milite non ce ne sono…. a parte per chi vuole fare carriera militare in fretta e guadagnare di più (perchè non trova niente di meglio da fare nella vita in civile). Per queste persone esercito XXI è un passo in avanti, perchè rende tutto più semplice e più veloce.

Non mi esprimo sui nostri soldati all’estero. Preferivo quando la Svizzera inviava militanti della croce rossa invece degli swiss coy (=militari svizzeri all’estero)

Rispondi

LaGuardiaNo Gravatar said,

Commento • febbraio 27, 2009 @ 11:46 am

Eh si, come vinciamo noi la guerra non la vince nessuno…
saluti da un commilitone, ci vediamo l’anno prossimo

Rispondi

patrick91No Gravatar said,

Commento • marzo 5, 2009 @ 8:58 pm

Quindi non consigli di fare il militare in Svizzera?

Rispondi

NeffNo Gravatar said,

Commento • marzo 5, 2009 @ 11:59 pm

Mah, la scuola reclute può servire a qualcosa, specialmente a scoprire i tuoi limiti, a forgarti il carattere …e a dimagrire ;)
Per il resto tutto dipende da se sei disposto a pagare la tassa militare.
Se io dovessi tornare indietro probabilmente cercherei di farmi scartare.
Oggi comunque non posso lamentarmi, sto bene comunque e per fortuna ho quasi finito quindi tanto vale finire ;)

Rispondi

patrick91No Gravatar said,

Commento • marzo 8, 2009 @ 9:29 am

bene, grazie per le informazioni :D

Rispondi

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URI

Lascia un commento

Tutti i contenuti di Neffscape sono pubblicati secondo la licenza di utilizzo Creative Commons Attribution non commercial share alike 3.0.
• Neffscape è un sito pensato, creato e mantenuto da Marco Boneff