Trasformare un airone in ariete senza ricorrere alla genetica

aggiornato.jpg

Ieri sera, un po’ per noia, un po’ per curiosità (ma anche un po’ perchè sono previdente e so che tra domani e dopodomani sarà macello effettuare un upgrade a causa dell’inevitabile intasamento causato dai sempre più numerosi fan di ubuntu sparsi in tutto il mondo), ho deciso di passare ad Intrepid Ibex (ubuntu 8.10) con un paio di giorni d’anticipo. La Release Candidate di intrepid ibex a cui si può aggiornare già da ora è praticamente identica alla versione finale. Piccole modifiche, se verranno apportate tra oggi e domani,verranno comunque installate grazie ai pratici aggiornamenti automatici a cui ubuntu ci ha abituati. A questo punto mi sono detto: perchè aspettare l’intasamento e non aggiornare subito?

Leggi tutto »

ottobre 29th, 2008 @ 03:20 PM • Classificato in GUIDE • Tags: , , , commenti [12]

[HOWTO per niubbi] Transizioni 3D in openoffice.org Impress e Ubuntu Hardy

Chi come me segue attentamente l’ecosistema che ruota attorno a OpenOffice.org certamente sa che una delle features maggiormente pubblicizzate al momento dell’uscita di OpenOffice.org 2.4 consisteva nella possibilità di creare presentazioni con stupende transizioni 3D. Ebbene, inizialmente si pensava che questa caratteristica arrivasse “out of the box” dentro la nostra mitica suite office libera, successiamente si è vociferato che la suddetta funzione sarebbe arrivata qualche settimana doposottoforma di estensione.

Ora che sono passati mesi e tutti si chiedono che fine abbia fatto questa famosa estensione scopro cercando esasperatamente in internet che per noi ubuntisti le transizioni 3D di openoffice sono già una realtà, basta installare dai repository un apposito pacchetto ovvero “openoffice.org-ogltrans"

Per i più niubbi quindi, scegliete dal menù Sistema > Amministrazione > Gestione dei pacchetti Synaptic, quindi cercate il pacchetto openoffice.org-ogltrans, selezionatelo aggiungendo un segno di spunta accanto al nome del pacchetto e quindi premete sul tasto “applica”.
Ah, se volete velocizzare la procedura potete sempre agire con il classico
sudo apt-get install openoffice.org-ogltrans
digitato in un terminale, ma la sostanza non cambia. Al termine della procedura aprite impress e troverete tra gli effetti di transizione delle vostre slides anche i nuovissimi effetti 3D.

Purtroppo agli utenti Windows non c’è un granchè da dire… al momento questa feature è disponibile unicamente per GNU/Linux.

giugno 14th, 2008 @ 01:49 AM • Classificato in GUIDE • Tags: , , , , Nessun commento

Risolvere i problemi di pulseaudio e flash in ubuntu Hardy

Non so se a voi è mai capitato, ma a me la flashplugin-non free su Hardy sta iniziando a farmele girare ad elicottero. A parte il fatto che nonostante abbia cambiato computer flash sembra sempre occupare un sacco di memoria e CPU (segno che Adobe non si stia impegnando un granchè per offrirci alla pari di MacOSX e Windows un flash player come si deve), in Hardy la flashplugin sembra andare in conflitto con pulse audio. Provate ad avviare Rhythmbox, metterlo in pausa e poi far partire qualsiasi video in flash su internet. L’audio smetterà improvvisamente di funzionare a causa di un crash di pulse audio causato proprio dalla plugin di flash che a quanto pare vorrebbe “riservare” pulseaudio solamente per sè causando conseguentemente un crash del server che è ovviamente già impegnato in altri task.

Fortunatamente anche questo problema sembra essere risolvibile in Hardy installando un pacchetto appositamente pensato per ovviare a questo problema (resta un mistero il perchè gli sviluppatori di ubuntu non abbiano incluso questo pacchetto come dipendenza per la flashplugin-nonfree dato che sembra praticamente indispensabile).

Ecco come ovviare al problema.
Aprite un terminale e digitate:

sudo apt-get install libflashsupport
Quindi inserite la vostra password di amministratore e riavviate gnome.

maggio 12th, 2008 @ 01:38 AM • Classificato in GUIDE • Tags: , , commenti [4]

Risolvere facilmente il problema delle ombre rosa in compiz (schede Nvidia e Hardy)

Come sicuramente molti utenti di ubuntu Hardy possessori di schede NVIDIA avranno notato, in hardy le finestre di compiz decidono arbitrariamente il colore della loro ombra.
Il più delle volte il colore è rosa, ma capita che questo cambi in varie tonalità (c’è chi le vede gialle, chi verdi). Se questo slancio glamour non richiesto (e a dire il vero non voluto… si tratta infatti di un bug della versione per hardy dei driver NVIDIA) vi disturba potete facilmente riportare tutto alla normalità con un semplice comando da terminale. Ecco come fare:

Aprite un terminale e digitate:

sudo ln -sf /usr/lib/nvidia/libwfb.so.xserver-xorg-core /usr/lib/xorg/modules/libwfb.so

inserite dunque la vostra password, sloggatevi, riloggatevi e… magia! Problema risolto :)

maggio 9th, 2008 @ 02:01 PM • Classificato in GUIDE • Tags: , , commenti [9]

Installare ed ottimizzare ubuntu su un DELL XPS M1530

Eccolo: è lui. È il mio nuovo computer! Già in passato avevo espresso il mio entusiasmo verso la nuova linea XPS di Dell, finalmente ringiovanita nell’aspetto oltre che nelle prestazioni. Dato che mi trovo in un momento difficile in cui devo assolutamente lavorare per riuscire a terminare la mia tesi di master in tempi dignitosi, non ho perso tempo e ho ordinato il computer il giorno dopo l’infausta perdita del mio amato 8600 (mi mancherà… sob!).

Il lutto va elaborato giusto?
Eccovi velocemente le caratteristiche tecniche del nuovo portatile:

Processore: Intel Core 2 Duo 2,10 Ghz (Penryn)
Scheda grafica: NVIDIA GeForce M 8600 GT con 256 MB di memoria grafica dedicata
Monitor 15,4″ ad alta risoluzione (1680×1050 TrueLife)
Hard Disk SATA 320 GB
2048 MB memoria RAM
Scheda Wireless Intel PRO/Wireless Next Gen agn
Masterizzatore e lettore CD-R/RW DVD+-/RW (dual layer) “super slim”
Bluetooth 2.0
Telecomando
Lettore di impronte digitali

Webcam 2.0 mpx integrata
Microfono stereo integrato e doppia uscita per cuffie
Lettore di memorie SD integrato
Batteria 6 celle
Wifi Catcher
Supporto materiale on Site e garanzia per 4 anni

Oltre a queste caratteristiche, vi lascio ammirare lo splendido design semplice e minimalista che per una volta Dell ha voluto sfornare. Con i suoi 2.6 Kg (batteria compresa), la sua linea sottile e il suo interno in alluminio con finitura antigraffio e plastica lucida è senz’altro uno dei più bei portatili che ho visto in vita mia. Senza volermela tirare troppo, per il momento sono super soddisfatto del mio acquisto che per una volta è veramente una bomba anche considerando il rapporto qualità prezzo. Per tutto questo ho speso quasi 1000 franchi svizzeri in meno che se avessi comprato il più cesso dei MacBook Pro che certo non si può confrontare per caratteristiche tecniche a questo nuovo XPS.
Naturalmente, purtroppo, il computer è arrivato con Windows Vista Home Premium preistallato, ma questo è stato un problema presto risolto ;) . Qualcuno ha parlato di ubuntu?

Con ubuntu il nuovo XPS si è comportato davvero bene, anche se qualche piccolo ritocco si rende comunque necessario. La procedura di installazione è durata molto più del previsto a causa di un problema con Dell media direct (ma di questo parlerò più sotto) ma una volta completata l’installazione e l’ottimizzazione si rimane impressionati dalle prestazioni, dalla silenziosità e dall’eleganza che questo computer abbinato ad ubuntu raggiunge.
Dal momento che non ho trovato una guida che riassumesse tutti i punti essenziali per portare a termine un’installazione e una buona ottimizzazione di questo computer, ho deciso, man mano che sistemavo il mio nuovo arnese, di scriverla per voi. Eccovi quindi una miniguida “niubb oriented” per tutti voi che avete acquistato il nuovo gioiellino di casa Dell e volete rendergli giustizia con uno dei migliori sistemi operativi liberi in circolazione. Sto ovviamente parlando di ubuntu linux!
Leggi tutto »

maggio 5th, 2008 @ 12:49 PM • Classificato in GUIDE, SPECIAL • Tags: , , , , , , commenti [141]
Tutti i contenuti di Neffscape sono pubblicati secondo la licenza di utilizzo Creative Commons Attribution non commercial share alike 3.0.
• Neffscape è un sito pensato, creato e mantenuto da Marco Boneff