Addio iPod! Sony Ericsson W880i e sincronizzazione con Rhythmbox [HOWTO]

Pochi mesi fa ho deciso di mandare in pensione il mio vetusto iPod mini 4GB la cui batteria ormai è completamente andata e che, dato il recente comportamento di Apple nei nostri confronti, cominciavo a vergognarmi di aver comprato. Avendo la necessità di rimpiazzare anche il mio vecchio cellulare ho deciso di prendere due piccioni con un fava e mi sono concesso un telefono Sony Ericsson “Walkman”(l’ottimo e consigliatissimo W880i) .

Leggi tutto »

ottobre 15th, 2007 @ 12:35 AM • Classificato in GUIDE, SPECIAL • Tags: , , commenti [12]

Una vita da raccomandato con LastRhythm

…ma (solo) per questa volta la mazzetta tenetevela!

Come vi ho detto nel post “Rhythmbox 0.11 impacchettato per Ubuntu Feisty“, ho da poco riportato le mie chiappe musicali su Rhythmbox, che ho scoperto tra le altre cose, essere facilmente estendibile. Continuo a non amare l’interfaccia pesante di questo player multimediale, ma sto scoprendo in questi giorni alcune interessanti plugin, che peraltro ricordano alcune funzioni di banshee, un player che preferisco per il resto dimenticare…

Tra queste plugin ce n’è una che ho trovato particolarmente interessante. Si chiama “LastRhythm” e sul modello del “suggeritore” di banshee, aggiungerà al vostro Rhythmbox la funzionalità dei “suggerimenti”, utilizzando a questo scopo il database e il motore di Last fm. Nonostante il suo nome, che in questa versione nel pannello d’amministrazione delle plugin mostra ancora il suo vecchio nome “Last fm”, questa plugin non è l’equivalente dell’omonima plugin ufficiale per Rhythmbox. LastRhythm mostrerà ad ogni ascolto le statistiche riguardante l’artista, evidenziando quali sono i suoi brani più ascoltati in tutto il mondo, raccomandandovi al contempo altri artisti, la cui musica piace agli altri che ascoltano la vostra stessa musica.

A prima vista questa funzione potrebbe sembrare inutile (non avrei mai pensato che mi sarebbe piaciuta a tal punto) ma posso assicurarvi che non è così. Last Rhythm mi ha fatto scoprire molti artisti che prima ignoravo allargando i miei orizzonti musicali. Ecco come si presenta in questa prima versione di sviluppo:

rhythmbox_small.png

una schermata di Rhythmbox + LastRhythm SVN (clicca sull’immagine per ingrandirla)

Come ho detto sopra, questa plugin è ancora da considerarsi “versone di sviluppo”. Non è ancora infatti uscita una prima versione stabile (no, nemmeno una 0.0.0.1 :) ), ed è dunque normale che in questo momento sembri un po’ grezza. Tuttavia state tranquilli, in realtà non è male come si potrebbe pensare anche se verrà sicuramente migliorata in futuro sia per quanto riguarda la sua veste grafica che per le sue funzionalità che però, bisogna dirlo, sono già ottime in questa versione di sviluppo. Interessati? Allora seguitemi!

Installazione di Lastrhythm SVN su ubuntu feisty fawn

Aprite un terminale e digitate

sudo apt get install libsvn1 python-elementtree

Inserite la vostra password d’amministrazione e proseguite inserendo nel terminale

svn co http://svn.usrportage.de/lastrhythm/trunk/ lastrhythm

Ora aprite nautilus in modalità root all’indirizzo /usr/lib/rhythmbox/plugins/

gksudo nautilus /usr/lib/rhythmbox/plugins/

…e copiateci dentro la cartella appena scaricata con svn, che si trova nella vostra home.

 

A questo punto tutto dovrebbe funzionare. Entrate in Rhythmbox e abilitate entrambe le plugin “last fm” che troverete nel pannello di gestione plugin (Modifica > Plugin). Buon ascolto!

giugno 6th, 2007 @ 02:42 PM • Classificato in GUIDE • Tags: , , commenti [5]

Rhythmbox 0.11.0 impacchettato per ubuntu feisty

Ho appena finito di scrivere che ho eletto Exaile! mio player predefinito che mi accorgo che in realtà alcune funzioni che credevo funzionassero sono ancora li in modalità “spaventapassero” ovvero si vedono ma non fungono. Cosi mentre apro Tilda e digito “sudo apt-get install rhythmbox” scuotendo la testa, non posso fare a meno di chiedermi cosa cavolo stia passando per i cervellini degli sviluppatori di Exaile. Vabbè! (sospiro) torniamo a Rhythmbox!

Vengo subito sorpreso da un alito di sconforto nonappena comparsa la finestra principale noto le orribili icone stile “old-gnome” che contraddistinguono questo storico player per linux ma che, dato l’aspetto, sembra ormai “vetusto nell’anima”. Il problema è che Rhythmbox è a tuttoggi il player per gnome più affidabile e completo tra tutti quelli in circolazione. Con la sua interfaccia grafica non certo originalissima ma sicuramente funzionale e collaudata, il suo supporto a numerose plugin che ne estendono le funzionalità (ottima per altro quella che abilita la condivisione DAAP, per condividere la propria musica e renderla “ascoltabile” da tutti gli utenti collegati alla LAN, proprio come fa iTunes) e il suo pieno supporto alla masterizzazione, al “rippaggio”, e ai dispositivi esterni come l’ipod, Rhythmbox è di certo una soluzione integrata per chi proveniendo da iTunes su mac o windows cerca un valido corrispettivo per linux.

Si, non c’è un altro player che mi sentirei di consigliare ad un neo-pinguinato, d’altronde le alternative non sono ancora pronte a sostenere il confronto.
Al progettista della GUI di Listen, ad esempio, dovrebbero cavare gli occhi per contrappasso, ed è un peccato perchè Listen si comporta molto bene e potrei anche decidere di usarlo un giorno se solo non fosse così brutto! Stendiamo poi un velo pietoso su banshee, un player che pur sorvolando sul fatto che è fatto in mono, manca di funzionalità basilari come il supporto alle playlist: si rifiuta persino di leggerle dall’ipod quando lo collego alla vogliosa USB. Songbird è sicuramente un progetto interessante, ma è a dir poco goloso di RAM: un difetto che sembra ahimè aver ereditato dal cugino Firefox.

Per la verità anche Rythmbox non è esente da bug o comportamenti strani che legittimano qualche sospetto: certe caratteristiche di questo player infatti non mi hanno mai convinto al 100%. In primo luogo non ho mai ben capito perchè il noto player per GNOME faccia così fatica a distinguere in fase di importazione i files musicali da quelli palesemente cottraddistinti da un MIME Type diverso. Secondariamente mi chiedo perchè Ryhtmbox non permetta l’esportazione diretta delle playlist sui dispositivi esterni. Purtroppo a tutt’oggi non è infatti possibile creare playlist su player come l’ipod direttamente da Rhythmbox. Un vero peccato, basterebbe così poco!

Ad ogni buon conto, tutto sommato, Rhythmbox resta la soluzione più affidabile se cercate un player completo e facile da usare per GNOME. rhythmbox.png
Per fortuna, sia ringraziato il cielo, sembra che gli sviluppatori si siano accorti degli evidenti handicap estetici del loro player, e hanno cominiciato a correre ai ripari, fornendogli un nuovo tema di icone (vedi immagine a sinistra) e un nuovo logo, non particolarmente originale (ma non somiglia un po’ troppo a quello di Listen?) ma sicuramente migliore di quello vecchio.

La buona notizia è che non dovrete aspettare una nuova release stabile di Rhythmbox per approfittare di questi miglioramenti che vanno ovviamente a sommarsi alcune migliorie apportate al suo codice codice e alle sue funzionalità.

Potete scaricare il pacchetto di Rhythmbox 0.11.0 SVN (versione di sviluppo) per ubuntu feisty direttamente da QUI. Buon ascolto!

maggio 30th, 2007 @ 03:39 PM • Classificato in NEWS • Tags: , , , , commenti [3]
Tutti i contenuti di Neffscape sono pubblicati secondo la licenza di utilizzo Creative Commons Attribution non commercial share alike 3.0.
• Neffscape è un sito pensato, creato e mantenuto da Marco Boneff