Virtualbox e visioni mistiche

Tra coloro che scelgono Linux e si apprestano a migrare da Windows, ci sono sicuramente persone che si trovano di fronte al solito dilemma del “neo-migrante”… e se poi mi servono programmi che su linux non girano? Molti rispondono a questa esigenza installando windows in dual boot, altri, seccati dal dover tutte le volte riavviare il PC in modalità windows preferiscono affidarsi ad emulatori di API, come Wine e Winedoors, Crossover Office e Cedega. Altri ancora decidono di “virtualizzare” usando Qemu, VMWare, Win4Lin (wow! esiste ancora!) o qualche altro software di virtualizzazione. Tra questi ultimi vale sicuramente la pena di citare VirtualBox, una delle soluzioni attualmente più avanzate e che sta avendo il suo momento di popolarità grazie ad una delle ultime funzioni, introdotte per l’appunto con l’ultimo aggiornamento di questo interessante pacchetto per macchine virtuali.

Sto parlando ovviamente della iperdiscussa funzionalità “seamless window” che permette di lavorare con finestre “winz” e finestre “linux” in contemporanea, come facessero parte di un unico desktop. Ovviamente, si tratta di una semplice illusione: i programmi windows gireranno su una virtual machine, godendo conseguentemente di prestazioni limitate rispetto alla reale potenza della vostra macchina. Tuttavia lavorare in questo modo potrebbe essere una buona soluzione per essere sicuri di avere a disposizione “ora e sempre” i programmi windows che non sapete come rimpiazzare, consentendovi di eliminare senza pesi sulla coscienza anche quell’ultima fastidiosa partizione NTFS presente sul vostro Hard Drive.

 

Leggi tutto »

settembre 5th, 2007 @ 10:41 PM • Classificato in IMHO, NEWS • Tags: , , commenti [2]
Tutti i contenuti di Neffscape sono pubblicati secondo la licenza di utilizzo Creative Commons Attribution non commercial share alike 3.0.
• Neffscape è un sito pensato, creato e mantenuto da Marco Boneff