Guida completa: Tracker e integrazione con GNOME su ubuntu

Aggiornamento sostanziale: Post rinominato, nuove configurazioni per tracker (impostazioni linguistiche, indicizzazione delle vostre mailbox di Evolution, Thunderbird e Kmail), integrazione con la funzione “Cerca File…” presente nel pannello “Risorse” di GNOME. (grazie felipe). Beppe ha inoltre postato un grandioso commento che potete usare per installare con successo tracker su ubuntu dapper (le configurazioni successive presenti in questo post sono valide sia per Dapper che per Edgy)

Edit: Michele Mattioni (grazie!) segnala che la funzione di indicizzazione delle mailbox non funziona ancora, nonostante sia già presente nelle configurazioni di tracker. Sarà opportuno attendere una nuova versione di tracker per usufruire di questa funzionalità. Nonappena uscirà la nuova release aggiornerò questo post in modo che possiate upgradare con successo e godere della nuova funzione

Tutti i sistemi operativi moderni (non stiamo parlando quindi di Windows xp ;) ) permettono di cercare i propri documenti all’interno del computer in maniera istantanea. Cosa intendo per istantanea? Ebbene: man mano che digitate in un campo di ricerca il sistema operativo o per meglio dire la tool predisposta alla ricerca farà comparire i risultati che corrispondono in un qualche modo alla parola digitata. Questo è possibile grazie a speciali programmi che mentre voi usate il computer navigano per il vostro hard disk indicizzando tutti i files presenti. È proprio questo che fa spotlight, il programma adibito alla ricerca in Mac OS X ed è esattamente questo che fanno google desktop su windows nonchè beagle e tracker su Linux.

Premetto che tutte le ultime versioni delle principali distribuzioni linux integrano beagle e non tracker come programma di indicizzazione. Beagle è infatti più maturo in quanto esiste da più tempo anche se esistono ottimi motivi per scegliere tracker e sbarazzarsi di beagle: quali? Beh le ragioni sono almeno due e per rendere contenti sia i miei lettori più “geek” che quelli più “idealisti” (a quanto pare il mio post su Stallman ha avuto un successo insperato :) ) posso annunciare che si, finalmente potrete dire addio al discusso Mono (più volte criticato anche da RMS per la sua ambigua complicità con tecnologia proprietaria e a “rischio brevetto”) e che si, tracker occupa meno risorse sia per quanto riguarda la RAM che la CPU. Aggiungiamo una terza ragione, che – lo confesso – piacerà di più ai lettori geek e agli sviluppatori: tracker non è legato di per sè a nessuna piattaforma in particolare. Si compone infatti di un demone di ricerca e una serie di applicazioni apposite che permettono di integrarlo con programmi già esistenti.
In questo post vedremo come installare tracker sulla nostra linux box ubuntu e come integrarlo perfettamente col nostro desktop gnome, vale a dire con nautilus, con le tool di ricerca predefinite di gnome (come la funzione “Cerca File…” nel menù “Risorse” del pannello di gnome) e con Deskbar, una barra “da pannello” multifunzione, che ci permetterà di utilizzarla per cercare istantaneamente i nostri file usando tracker, ottenendo un clone di spotlight su Mac OS X, ma molto, molto più potente.
siete caldi? allora seguitemi…

Leggi tutto »

dicembre 28th, 2006 @ 11:56 PM • Classificato in GUIDE, NEWS • Tags: , , commenti [10]
Tutti i contenuti di Neffscape sono pubblicati secondo la licenza di utilizzo Creative Commons Attribution non commercial share alike 3.0.
• Neffscape è un sito pensato, creato e mantenuto da Marco Boneff